Napoli: parcheggiatore abusivo torna al suo posto dopo l’arresto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
“E’ inutile chiedere la collaborazione di automobilisti e motociclisti per combattere la piaga dei parcheggiatori abusivi se poi un parcheggiatore arrestato dopo la coraggiosa denuncia di alcuni studenti stranieri può tornare liberamente al suo posto dopo pochi giorni, riprendendo quel lavoro che, quando lui era assente, hanno portato avanti i suoi “colleghi” come se niente fosse successo”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, il consigliere comunale Marco Gaudini e Gianni Simioli de La radiazza, creatori della pagina facebook “Io odio i parcheggiatori abusivi” “a cui stanno arrivando decine di commenti di gente sfiduciata dopo quello che è successo con il parcheggiatore di piazza Museo Filangieri e raccontato sulle pagine de Il Mattino”.

“Il daspo, la pena che prevede il divieto di frequentare le zone dove si viene “beccati” a fare il parcheggiatore abusivo, si sta rivelando del tutto inutile perché, dopo il provvedimento, non ci sono i necessari controlli e ci si ritrova faccia a faccia con la persona che s’è denunciata” hanno aggiunto Borrelli, Gaudini e Simioli, per i quali “di questo passo i cittadini non collaboreranno più. Ci stanno arrivando decine di messaggi di sconforto sulla pagina “Io odio i parcheggiatori abusivi” e alcuni propongono addirittura che a questo punto è meglio affidare ai delinquenti la gestione dei parcheggi a Napoli e in particolare delle strisce blu comunali”.

“Intanto aumentano i casi in cui si scopre che questi delinquenti sono al soldo di una parte della borghesia e classe dirigente napoletana a cui riservano i posti privilegiati a scapito degli altri cittadini occupando spazi pubblici con transenne e cassonetti dei rifiuti” hanno continuato sottolineando che “sui parcheggiatori abusivi lo Stato si gioca la faccia”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. La prima volta il DASPO, la seconda l’espatrio per sei mesi, la terza per due anni e se si è beccati a fare la stessa cosa in altra città l’arresto minimo di 4 anni e vederete come non esisterebbero più,invece no ti mettono in condizione di incontrare dopo pochi giorni chi hai denunciato e poi parlano di OMERTA’ che VERGOGNAAAAA.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.