Sanità: De Luca, no a pronto soccorso in ogni quartiere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Non prometto un pronto soccorso in ogni quartiere, ma abbiamo deciso di recuperare, senza desertificare Napoli”. Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, parlando dei pronto soccorso. “Il Piano Morlacco prevedeva la chiusura di tutti gli ospedali a Napoli – ha affermato – con un solo pronto soccorso al Cardarelli, ma come si può pensare una cosa così?”.

“Stiamo lavorando – ha sottolineato – per mantenere presidi nei territori”. De Luca ha fatto sapere che si sta puntando a “una ventina di posti letto in più agli Incurabili” e a una riorganizzazione con l’ospedale vecchio Pellegrini”. “Al Cto abbiamo riaperto il pronto soccorso ortopedico – ha aggiunto – poi si aprirà quello generale”.

“Al momento c’è un ritardo di un mese, ma entro novembre saremo pronti – ha concluso – Ci sono stati intoppi legati alla mobilità extra regionale, del personale che doveva venire da fuori e delle autorizzazioni dalle Asl di appartenenza”.

Piano ospedaliero senza questioni di parte

“Siamo impegnati ad approvare un Piano ospedaliero senza cedere a questioni di parte”. Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, in occasione della presentazione di una nuova strumentazione tecnologica in ambito medico-chirurgico nell’Ospedale degli Incurabili, a Napoli.

“La sanità è stata considerata per decenni serbatoio di voti, dal centrodestra e dal centrosinistra – ha affermato – si è stati permeabili a situazioni e spinte di chi, di volta in volta, voleva tutelare dell’imbecillità, di chi vuole salvare privilegi”.

“Ora basta, questa storia è finita – ha aggiunto – Possiamo essere la prima regione d’Italia per sanità per le nostre eccellenze”. De Luca ha evidenziato che si sta lavorando anche sul fronte dei pagamenti. Ha ricordato che “nelle Asl non era informatizzato nulla”.

“Arrivano i medicinali e invece di registrare subito – ha sottolineato – passano mesi, passaggi manuali che servono a rubare”. “Ho una sola amarezza che deriva dal pensare a quanti decenni abbiamo perduto, un delitto – ha concluso – Ora dobbiamo fare una corsa per recuperare problemi che nel tempo si sono incancreniti nel tempo”.

De Luca,in 5 ore a Mef hanno fatto pulci a bilancio

“Siamo stati al Ministero dell’Economia per fare esame di riparazione”. Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, in occasione della presentazione di una nuova strumentazione tecnologica in ambito medico-chirurgico nell’Ospedale degli Incurabili, a Napoli. “Un dirigente ministeriale ha letto il nostro bilancio voce per voce – ha affermato – ha fatto le pulci al documento”.

“Ci abbiamo messo 5 ore – ha aggiunto – è solo 5 minuti sono stati dedicati ai Lea”. “Si valutano i conti e non le prestazioni – ha concluso – questa è l’ultima occasione che abbiamo per svoltare, altre non ce ne saranno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.