SuperEnalotto, Gratta e Vinci: raddoppia la tassa sulle vincite

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
«La lotteria di Capodanno è opportunamente stata ribattezzata ‘Italia’ perché da queste parti è consigliabile puntare tutto sulla fortuna». Lo diceva Enzo Biagi ma non aveva fatto i conti con le tasse. La fortuna infatti, dal primo ottobre, costerà un po’ di più (almeno quella dei giochi). Come previsto dalla manovra-bis varata a giugno, l’aliquota sui giochi passerà dal 6% al 12% ma si applicherà solo sulla parte di vincita eccedente i 500 euro.

Saranno interessati alla tassa i Gratta&Vinci, il SuperEnalotto, il Win for Life e le vincite realizzare con le videolottery, le slot di nuova generazione. Resterà invece esclusa dalla tassazione proprio la Lotteria Italia, le scommesse, il poker e i casinò online, i bingo e le altre slot machine (ma per queste ultime la vincita non può mai superare i 100 euro). La legge avrà effetto dal primo ottobre anche sul gioco pubblico più antico del mondo e che resta nel cuore di tanti italiani: il Lotto, su cui però la tassa sale soltanto di due punti, passando dal 6% all’8%.

L’operazione è finalizzata ad aumentare le entrate statali del settore, già particolarmente alte, visto che nel 2016 l’Erario ha incassato 10,5 miliardi di euro (+20% sull’anno precedente, somma che arriva a 11,3 miliardi con le una tantum). Ma secondo un’analisi del Servizio Bilancio della Camera, con l’aumento delle aliquote lo Stato si aspetta un aumento di gettito pari a 143 milioni annui a partire dal 2018, 36 milioni già a partire da questi ultimi mesi dell’anno in corso, cifra che porterà a 322 milioni le entrate ulteriori complessive nel prossimo triennio 2017-2019.

Risorse che, in alcuni casi, serviranno per una buona causa. Nelle «disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo» sono previsti, infatti, anche l’aumento al 19% del Preu (Prelievo unico erariale) sulle newslot e al 6% quello sulle videolotteries. Da cui è previsto un maggiore introito di circa 700 milioni di euro nel triennio 2017-2019.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Bene, bene, bene, che si aumenti pure il prelievo fiscale sulle vincite, ma inserire nel bilancio dello stato i maggiori introiti che ne derivano per finanziare “giuste cause” mi sembra quasi immorale.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.