Ghigliottina in piazza, insulti agli avversari, botte dai no Tav

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Non si spegne l’eco degli scontri di sabato a Venaria fra manifestanti anti G7 e forze dell’ordine, con tanto di ghigliottina simbolica ai danni di due pupazzi raffiguranti l’ex premier Renzi ed il ministro del lavoro Poletti: ora la polemica è tutta politica, e a cavalcarla è proprio il segretario del Partito Democratico, fatto oggetto dello scherno incontrollato della piazza: “Non mi fanno impressione le pagliacciate, però in questa vicenda ci sono agenti di polizia, carabinieri, uomini delle nostre forze dell’ordine che vengono feriti sul serio, non a parole”.

Poi prosegue: “Ci sono squallidi amministratori comunali che non hanno avuto la forza-o la voglia-di spendere una parola per prendere le distanze da certe formazioni anarchiche o presunte tali, da centri sociali, da persone abituate a vivere di violenza quantomeno verbale”, scrive Renzi su Facebook. In realtà la sindaca di Torino, Chiara Appendino, si era subito affrettata a esprimere “sostegno” per gli agenti feriti durante la manifestazione. Non così però ha fatto il vice-sindaco Guido Montanari, notoriamente vicino alle battaglie No Tav, che su Facebook si era espresso a favore della manifestazione. Non solo: alcuini consiglieri comunali grillini avevano anche partecipato al corteo pacifico fino a Venaria.

Ecco perchè Renzi tira l’affondo al Movimento 5 Stelle e se la prende con i rapprensentanti delle istituzioni locali “pagati da tutti i cittadini, che anzichè schierarsi con le forze dell’ordine e con le istituzioni rilanciano le immagini della rivoluzione francese. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all’anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d’Italia. Peccato”.

Arrivano a stretto giro di posta le repliche dei grillini: “E’ una provocazione accostare il dissenso di amministratori e consiglieri comunali a delinquenti che hanno bruciato cassonetti e attaccato le forze dell’ordine”, dice Montanari. La sindaca di Torino ribadisce in un’intervista che “la città ha superato  l’esame”.

Ma la levata di scudi arriva anche dai vertici nazionali del Movimento, con di Maio che si schiera al fianco della Appendino: “Io sto con lei, con la città e con l’amministrazione che si è messa a disposizione per il G7. Le violenze non fanno parte del Dna del Movimento 5 Stelle ed è bene sottolinearlo. Soprattutto davanti a Renzi che perde l’occasione di tacere per attaccare l’amministrazione di Torino”. Poi accusa Renzi di “sfruttare cinicamente questi episodi di violenza per una sterile polemica politica”.

Infine: “Le nostre battaglie le abbiamo sempre fatte in Parlamento e in nessuna nostra manifestazione di piazza-e sono tante- è mai avvenuto uno scontro nonostatne i migliaia di partecipanti”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.