Strisce pedonali ad effetto tridimensionale: e se le usassimo anche a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Strisce pedonali ad effetto ottico tridimensionale. Il nuovo trucco coi finti blocchi 3D per rallentare gli automobilisti.

Lo “Sportello dei Diritti”: una tecnica originale ed efficace attualmente in sperimentazione in Islanda da replicare anche in Italia .

Per educare gli automobilisti alla sicurezza stradale, la città di Ísafjörður in Islanda ha appena inaugurato un passaggio pedonale che, grazie ad un’illusione ottica, dà l’impressione di essere tridimensionale.

Il dispositivo visivo si trova in una zona residenziale dove la velocità è già limitata a 30 km/h. Una tecnica che dai primi dati sarebbe piuttosto efficace nel rallentare gli automobilisti nei pressi delle “zebre”.

L’effetto voluto, infatti, fa credere agli automobilisti che innanzi alla strada si presentino blocchi in calcestruzzo bianco sollevati rispetto al manto stradale, costringendoli istintivamente a rallentare, quando in realtà si tratta solo di una particolare tecnica di colorazione dell’attraversamento con forme geometriche.

Il passaggio pedonale col finto 3D è stato testato ad Ísafjörður, ma potrebbe essere emulato in tutta l’isola, se la sperimentazione in atto dimostrerà di essere riuscita riducendo gli incidenti e gli investimenti.

Tuttavia, vi è da dire, che questa tecnica intelligente non è stata realizzata per la prima volta in Islanda, ma in India ed in particolare su quattro passaggi pedonali nella città di Ahmedabad.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di un’idea geniale da replicare anche in Italia dove il rispetto degli attraversamenti pedonali e ciclistici è rimasto, purtroppo, quasi all’anno zero della circolazione coi veicoli a motore e soluzioni semplici, ma anche alternative a quelle già adottate, potrebbero consentire quella svolta sulla sicurezza stradale auspicata e sinora mai realmente riuscita. (foto dal web, twimg.com)

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Mah! Prima di provare gli effetti speciali riparariamo le strade e facciamo quelle in 2d come si deve.

  2. Prima rifare tutte le strade con relative fogne, poi rifare i passaggi pedonali visibili e illuminati di notte, segnalati e più alti della sede stradale, e da ultimo mettere prima dei passaggi pedonali dei dissuasori di velocità.

  3. Il problema è l’inciviltà degli automobilisti, è vero; ma anche il fatto che gli attraversamenti sono spesso troppo ravvicinati, con la conseguenza di stare sempre a frenare e ripartire, e il rischio concreto di essere tamponati!
    Purtroppo tutti vogliono le strisce davanti casa e davanti al negozio!
    Lo stesso problema delle fermate degli autobus, tutti che fanno tutte e le stesse fermate: assurdo!

  4. Sono sicuramente geniali queste strisce, ma prima bisognerebbe aggiustare le strade spaventosamente distrutte!!! poi, in un secondo momento, si può anche pensare di introdurre altro.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.