Vigili multati ad Agropoli dalla Polstrada, sindacati scrivono a Ministro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
I sindacati di categoria di Cisl, Cgil e Uil chiedono chiarezza sulla vicenda che ad Agropoli ha visto multati gli agenti della Polizia Municipale dai colleghi della Stradale. “Tutto questo vede perdente solo ed unicamente Stato e con esso tutte le recenti politiche di partecipazione alla sicurezza integrata tanto raccomandate e sollecitate nell’ultimo incontro del Comitato per l’Ordine e Sicurezza Pubblica tenuto presso la Prefettura di Salerno il 20 agosto scorso alla presenza del Prefetto, Salvatore Malfi, e del questore di Salerno, Pasquale Errico”, ha detto Vincenzo Della Rocca, segretario provinciale della Funzione pubblica della Cisl di Salerno, che insieme ai colleghi Donato Salvato della Uil e Alfonso Rianna della Cgil sta seguendo la questione in prima persona.

“Rimane oltremodo paradossale l’atteggiamento al limite dell’oltraggio tenuto da altri servitori dello Stato nei confronti della Polizia Municipale di Agropoli, e con essi delle istituzioni locali rappresentate, oggetto di un ingiustificato controllo che appare radicato sul territorio locale, mentre erano intenti a svolgere in divisa e con veicoli d’istituto le medesime misure di prevenzione di polizia di prossimità”.

Un’azione che per Della Rocca è dunque preoccupante. “L’aria di spavalderia placata con la saggezza degli appartenenti della Municipale ha evitato di generare inutili tensioni in luogo pubblico e il tutto, crediamo generato per irresponsabilità soggettiva di pochi, dimostra l’intento di delegittimazione delle istituzioni locali e con esso il tentativo di demolizione delle funzioni quotidianamente assicurate da tutti gli appartenenti ai corpi della polizia locale”, ha continuato Della Rocca. “Chi ostenta a tanto, se ne dovrà fare ragione. A noi danno maggiore forza per continuare a richiedere di riposizionare nell’alveo della dignità giuridica e costituzionale il lavoro della Municipale, con pari dignità di riconoscimento giuridico ed economico della legge 121 del 1981”.

I sindacati, in una lettera al ministro dell’Interno, Marco Minniti, ora chiedono un’inchiesta per verificare se con l’intervento della Stradale si sia dato vita a qualsiasi violazione di legge. “Inoltre, sindaco di Agropoli e al comandante della Municipale, nell’esprimere come sempre l’incondizionata collaborazione, chiediamo di produrre alle rispettive autorità territoriali una ferma nota di protesta su quanto accaduto, nonché di chiarire il senso della multa, arrivata per la presunta violazione dell’articolo 180 del Codice della Strada, atteso l’avvenuta esibizione di tutti i documenti utili alla circolazione stradale”, ha concluso Della Rocca.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Se fossi io il MINISTRO MINNITI UNA COSA FAREI : Manderei i sindacati a quel paese perchè sono solo scandalosi. Loro dovrebbero difendere i lavoratori che vengono trattari male , retribuiti malissimo (vrdi numerose cooperative ) etc.etc. invece si preoccupano dei vigili controllati legittimamente da polizziotti. Perchè non insorgono anche quando La Guardia di Finanza controlla gli altri Dipendenti PUBBLICI? VERGOGNATEVIIIII. Sarò il primo in questi giorni a non far parte più degli iscritti , mi state DISGUSTANDO.

  2. I vigili, come tutte le forze di Polizia, devono essere i primi ad essere in regola con la documentazione delle loro autovetture e rispettare le regole stradali. Penso che gli agenti della Polizia stradale per prendere la decisione di multare la Polizia Municipale, abbia le sue ragioni.
    Invece di perdere tempo a scrivere a Minniti, i sindacati controllino che la polizia Municipale svolga con serietà le sue funzioni (tra l’altro solo all’interno del comune di appartenenza) e si comporti come tutti gli altri cittadini.

  3. Si lamentano perché non stavano in regola. Il paese delle barzellette! Si ride per non piangere!

  4. i sindacati da decenni hanno perso la legittimità di parlare a favore dei lavoratori a causa delle loro mille magagne e traffici e della tutela a pioggia che attribuiscono anche a quei lavoratori non-lavoratori che meriterebbero un bel calcio in c@@o perché inadempienti e/o truffatori. Casta come i politici corrotti, da epurare e riformare integralmente nelle funzioni e nelle persone (covo di nullafacenti)

  5. Se ci sono state illegittimità sull’auto della Polizia Locale di Agropoli esse verranno sanzionate a norma di Legge, e quindi il Sindaco, gli appartenenti e i sindacati della Polizia Locale di Agropoli non devono lamentarsi pubblicamente dei controlli da parte della Polizia Stradale, che in questo caso mi sembra siano stati proprio mirati e niente affatto casuali! In una nazione civile nessuno può essere esentato dai controlli e mi fermo qui…..e comunque continuo a ripetere che nel paese ove si incita a favorire i voti elettorali per una semplice frittura di pesce tutto è possibile!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.