Cancro seno più tra giovani e anziane,solo 55%fa screening

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
E’ in crescita tra le donne più giovani e le over-70 e fa registrare meno casi al Sud grazie a stili di vita più salutari.

Il cancro al seno resta la prima patologia tumorale tra le donne italiane, con 50.500 nuovi casi stimati nel 2017 e circa 12mila decessi l’anno, ma ad oggi solo il 55% delle donne cui viene offerto gratuitamente lo screening mammografico effettua l’esame, con un forte divario Nord-Sud.

A tracciare il quadro aggiornato di questo ‘big killer’ in Italia è l’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), che avverte come sia fondatale rafforzare la prevenzione e la conoscenza del cancro al seno tra le italiane. Da un sondaggio Aiom su 1.657 donne presentato oggi in un convegno nazionale al Ministero della Salute emerge, infatti, che il 31% delle donne non conosce l’autopalpazione, il 48% ritiene che questa neoplasia non sia guaribile e il 35% non sa che è prevenibile.

Dal sondaggio emerge anche che il 57% delle italiane non ha adeguate informazioni sulle possibilità di trattare questo tumore anche in fase avanzata. Oggi, invece, afferma il presidente Aiom Carmine Pinto, “abbiamo a disposizione armi efficaci che ci consentono di controllare la malattia anche in questo stadio e sono stati recentemente approvati in Europa farmaci di una nuova classe che intervengono nel rallentare la progressione del tumore del seno in fase metastatica, inibendo due proteine chiamate chinasi ciclina-dipendente”.

La buona notizia, sottolinea, è che aumenta la sopravvivenza: a 5 anni dalla diagnosi nel nostro Paese raggiunge l’87% ed è più alta della media europea (82%). E a 10 anni l’80% delle pazienti italiane è vivo. In 25 anni, infatti, dal 1989 al 2014, la mortalità per questa neoplasia è diminuita di circa il 30%, sottolinea Stefania Gori, presidente eletto Aiom, e fondamentale “è proprio la prevenzione, a partire dalla autopalpazione, che la donna può eseguire da sola a casa”.

Insomma, il quadro migliora ma resta una grande differenza tra le Regioni: “Al Sud si registra un 23% in meno di casi di tumore del seno rispetto al Nord – spiega Lucia Mangone, presidente dell’Associazione Italiana Registri Tumori -. Una differenza importante, che si correla alle differenti abitudini e stili di vita delle donne del Sud.

Dall’altro lato però nel Meridione la sopravvivenza è inferiore e questo dato si correla alla minore adesione agli screening: nel 2015 solo il 36% delle donne ha eseguito la mammografia rispetto al 63% al Nord, e si va dal 76% di adesioni dell’Emilia Romagna al 22% della Campania”. Ed anche se un 19% delle italiane fa la mammografia privatamente, resta comunque l’esigenza di sensibilizzare maggiormente le donne sulla importanza della diagnosi precoce.

Inoltre, chiarisce Mangone, “nella fascia 50-69 anni, coperta dagli screening gratuiti, i casi non sono in aumento, segno che la prevenzione sta funzionando, mentre l’aumento dei casi tra quarantenni e over-70 si può spiegare anche con un maggior numero di diagnosi per l’estensione della mammografia” in alcune regioni.

Su tutto, spicca però un dato: è un ‘esercito’ di ben 766.957 donne quello delle cosiddette ‘Lungosopravviventi’, donne che stanno affrontando la malattia o l’hanno vinta e possono essere definite guarite (queste ultime sono 123mila).

Ciò “impone un cambiamento culturale: programmare la vita dopo il cancro, a partire dalla protezione della fertilità”, ha concluso Elisabetta Iannelli, Segretario Generale della Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.