Violentata da tre ragazzi in spiaggia, la Lega chiede castrazione chimica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La ragazza aveva incontrato i tre ragazzi sulla spiaggia. Tutti e tre erano apparentemente tranquilli (provenienti da diversi quartieri della città) e, secondo quanto ricostruito, l’avevano invitata a bere una cosa insieme per sfuggire alla calura. Poi la violenza. La visita in ospedale e l’avvio delle indagini dopo la denuncia ai carabinieri con l’identificazione già nei mesi scorsi dei tre presunti aggressori. In questi mesi, secondo quanto trapela, gli investigatori hanno monitorato anche alcuni profili social alla ricerca di elementi utili alle indagini.

Il monitoraggio dei social network ha dato un contributo alle indagini sulla violenza sessuale subìta lo scorso mese di maggio, sugli scogli di Marechiaro, a Napoli, da una 15enne, vittima di tre giovani, il più grande dei quali ha 17 anni. Oggi i militari dell’Arma hanno notificato ai tre indagati altrettante misure cautelari per il reato di violenza sessuale di gruppo. Tenendo d’occhio le chat i carabinieri sono stati in grado di isolare alcuni sospettati tra le persone che discutevano dell’accaduto su Fb.

I dati estrapolati dai profili sono stati poi sottoposti alla giovanissima vittima, che ha indicato agli investigatori i suoi aguzzini. In questi mesi, l’attività investigativa è stata anche suffragata dai risultati delle analisi sulle tracce biologiche trovate durante le visite mediche in ospedale, la sera delle violenze.

“Leggiamo dell’arresto di tre minorenni accusati di essere gli stupratori di una sedicenne a Marechiaro a Napoli. Non esiste redenzione per chi decide di usare violenza sessuale contro donne e bambini. Chiunque si macchi di questo reato deve essere punito con la castrazione chimica. Continuiamo a chiederlo: si discuta subito la nostra proposta di legge sulla castrazione chimica.

La politica si deve occupare nell’immediato di garantire giustizia per le vittime di violenza. Non possiamo più tollerare la proliferazione di questi fatti gravissimi. La castrazione chimica è l’unico deterrente possibile”. Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Per una ragazzina sono traumiti difficili se non impossibili da superare. Che sfociano nella mancanza di fiducia in se stessi e gli altri, misogenia, depressione cronica, praticamente una vita spezzata. La costrazione chimica è giusta ma forse anche un pò troppo leggerina.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.