Salerno: bivacchi e accattonaggio, proteste in via Vinciprova

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Bivacchi di senza tetto e accattonaggio, i residenti di via Vinciprova e via Mobilio sopportano questi fenomeni di degrado da tempo. Ormai i clienti degli esercizi commerciali si sono abituati a vederli all’uscita, alcuni chiedono con garbo, altri insistono il fine è li stesso ricevere qualche spicciolo. Lo scrive il quotidiano Le Cronache

La denuncia arriva dall’associazione Difendere Saòlerno alla quale si sono rivolti i residenti della zona segnalando sulla pagina Facebook quanto sono costretti a vivere quotidianamente. In particolare i residenti e commercianti hanno segnalato un uomo che dormiva nell’aiuola nei pressi della rotatoria proprio in via Vinciprova.

«Ci siamo recati sul posto pensando ad un individuo che potesse aver bisogno di aiuto, alle nostre sollecitazioni – dice Francesco Vota, portavoce dell’associazione – l’uomo ha risposto che stava bene aveva solo bevuto e voleva dormire.Peccato dormisse tra i rifiuti ed una miriade di mosche che gli ronzavano addosso. Continuando su via Settimio Mobilio il fenomeno dell’accattonaggio si presenta in tutta la sua evidenza.

Le uscite di Tutti gli esercizi commerciali sono presidiate da una o anche più persone che chiedono a tutti i clienti di lasciargli qualche spicciolo, alcuni di loro si offrono di aiutare le signore a trasportare le borse piene fino alla macchina o anche a domicilio. Qualcuno ironicamente dice “ormai fanno parte dell’arredo urbano”. Poco spazio alle considerazioni ma, parecchie domande.

Da dove vengono? Sono indipendenti oppure dietro c’è qualche sistema di racket, come rilevato in altri casi? Chiedendo a qualcuno di loro, presumibilmente di etnia Rom, non danno alcuna risposta, mentre alcuni ragazzi di colore hanno detto di essere ospiti di un centro d’accoglienza situato in provincia. Questi centri devono offrire ai migranti delle attività propedeutiche all’integrazione, corsi di lingua, educazione civica ecc.. fosse vero quel che dicono avremmo scoperto l’ennesima la- cuna del sistema d’accoglienza.

Di certo la situazione non dà lustro alla città è necessario intervenire approfondendo anche gli aspetti sopracitati, lo chiedono a gran voce i cittadini residenti in zona e non solo visto che il fenomeno va oltre interessando parecchie zone della città».

Fonte Le Cronache in edicola domenica 8 ottobre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. sono per tutta salerno è un invasione , ogni supermercato tabacchino e farmacia ce ne sta uno e a fine giornata prendono tra gli 80 e 100 euro e chi lavora regolarmente tutto il giorno non li prende…ragionateci un po prima di dare le monetine…stanno qua a spese nostre e prendono pure piu soldi noi e queste sono le risorse che dice il governo…

  2. Vorrei Dire al Signor Sindaco ogni Domenica alla pompa di Benzina ENI In Via Irno pure C’è un signore di colore che chiede i soldi andate a controllare

  3. SIAMO CIRCONDATI. CONTROLLATE QUANDO LI VENGONO A PORTARE E A RIPRENDERE OPPURE ARRIVARE ALLA STAZIONE . ASSOCIAZIONE A DELINQUERE. E’ PIU’ CONVENIENTE DI LAVARE I VETRI E SE CI FATE CASO SONO TUTTI GIOVANI.

  4. Questione di settimane, poi ci scappa il morto! la gente è stufa di questi negrettini accatoni mezzi sbandati! Mandiamoli al loro paese prima che un folle li accoltella “bell e buon”.

  5. C’è il turno di mattina e il turno di pomeriggio. È c’è chi organizza tutto. Ripeto CHI ORGANIZZA! !

  6. Aaaaaa…..come dice uno dei tanti detti antichi(che di solito non sbagliano mai):
    TUTTI I NODI VENGONO AL PETTINE.
    Quando i barconi arrivavano pieni zeppi di extracomunitari(95 %giovani forti e in salute, altro che guerra e fame), chi si permetteva di esprimere preoccupazione, chi prevedeva quello che effettivamente sta succedendo in città quotidianamente, chi evidenziava che la nostra Italia(paese barzelletta europea) già piena di problemi e su l’orlo del baratro MAI avrebbe potuto reggere il fenomeno giacché problemi molto più semplici degli italiani sono irrisolti da sempre, come veniva etichettato dai Perbenisti e dai politici porci che hanno svenduto la dignità italiana ?
    Fascisti, estremisti, nazisti, e tanti altri termini inappropriati usati per far eco ai porci politici e nulla più.
    Ma cari i miei Perbenisti e buonisti del c…. ,almeno i porci politici hanno un ritorno di tutto sto gran business degli extracomunitari, ma voi(e noi tutti Italiani)?
    Abbiamo fatto sì che il nostro paese diventasse questo schifo che stiamo vivendo quotidianamente, mai una contestazione o protesta(vedi il popolo spagnolo), ma sempre a chinare il capo, oltretutto a schernire chi accennava qualche lamentela(razzisti).
    E i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Quindi che vi lamentate mo’?
    Ma vedete bene che ci sono ordini dall’alto, non è possibile che le nostre forze dell’ordine e vigili urbani non vedano mai che combinano sti tipi :l’accattonaggio in Italia È VIETATO, così come È VIETATO chiedere la questua(l’elemosina);sarebbe pure vietato occupare abusivamente il suolo pubblico, così come sarebbe vietato vendere merce contraffatta e falsa, vietata sarebbe l’evasione fiscale,per non parlare di spaccio, stupri e violenze varie. …il condizionale è d’obbligo, perché tutti i divieti elencati e perseguibili dalla legge valgono STRANAMENTE solo per gli italiani, mentre appunto per i “nostri”ospiti c’è una sorta di STRANA distrazione.
    Credo siano ordini dettati dall’Europa, di cui noi siamo(scusate, ma passatemi il termine) il ‘pisciaturo’.Venerdì all’incrocio tra via Nizza e via E.Caterina(angolo panetteria) c’era una volante dei vigili intenti a fare multe alle auto percheggiate male e far sgombrare i veicoli. Che c’è di male?AVANTI ALLA PANETTERIA, A UN METRO DA LORO, C’ERA IL NERO(pardon)DI TURNO INTENTO A CHIEDERE SOLDI INCURANTE DEI VIGILI, E I VIGILI INCURANTI DI LUI! !!
    Ma di che parliamo?
    I lettori di sopra hanno tutti ragione, sono ovunque e liberi di fare che vogliono, fanno addirittura i turni davanti agli esercizi commerciali da loro “presidiati”.
    Due considerazioni e chiudo :
    1)capito perché corrono in Italia, o ancora non è chiaro?
    2)giusto per provocare, provasse un italiano,casomai con una telecamera nascosta, a svolgere le “mansioni”che svolgono i “nostri”ospiti :verrebbe cacciato e linciato dagli stessi, perché loro ormai hanno il monopolio, e sicuramente serebbe perseguito penalmente dalle solerti forze dell’ordine(dopo aver appurato che è italiano)
    Considerazioni razziste? MA ANDATE A FARE IN. ………..

  7. E’ la CAMORRA che li gestisce tutti. Stupidi noi che gli diamo i SOLDI. Ripeto stupidi noi che diamo i SOLDI. Vanno direttamente alla CAMORRA. Si alzano dai 50 ai 75 euro al giorno! SOLDI CHE SPARTISCONO CON LA CAMORRA! LA CAMORRAAAAAA

  8. Non basta un libro per scrivere lo schifo, noi prigionieri loro liberi di fare ciò che vogliono tanto nessuno li tocca

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.