Duro monito e pesante sanzione dalla Unione Europea ad Amazon (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Commissione Europea ha assestato un altro duro colpo al colosso statunitense infliggendo una pesante multa. Amazon deve restituire 250 milioni di euro.

Soldi risparmiati su imposte e profitti grazie ad un accordo fiscale stretto nel 2003 con il Lussemburgo. Grazie a questo trattamento di favore, su circa tre quarti degli utili realizzati Amazon non avrebbe mai pagato le tasse.

Per effetto del ruling fiscale, emanato dal Lussemburgo nel 2003 – poi rinnovato nel 2011 – il gigante del web ha potuto trasferire la maggior parte dei suoi utili, tramite il pagamento di una royalty per l’utilizzo di diritti di proprietà intellettuale, da “Amazon EU”, società del gruppo soggetta a tassazione con sede nel Granducato, ad “Amazon Europe Holding Technologies”, società che invece non lo è. La Amazon EU ha così beneficiato di una rilevantissima riduzione delle tasse da corrispondere.

Dopo una indagine partita 3 anni fa, Bruxelles chiede il conto e nel contempo accende i riflettori  sui paesi troppo morbidi a livello fiscale. Così, ad esempio, l’Irlanda è stata ufficialmente deferita alla Corte di Giustizia Europea, rea di non aver recuperato da Apple i 13 miliardi di aiuti illegali ottenuti e chiesti indietro un anno fa proprio dalla Commissione. Una decisione contro cui il governo di Dublino aveva fatto ricorso e che oggi giudica totalmente inutile.

Ovviamente, la società di Seattle ha già preannunciato ricorso: “Riteniamo che Amazon non abbia ricevuto alcun trattamento speciale dal Lussemburgo e di aver pagato le tasse in piena conformità con la legislazione fiscale lussemburghese ed internazionale”.

Mentre il commissario alla concorrenza, Margrethe Vestager, ha invocato le regole europee sugli aiuti di Stato e dichiarato: “I paesi dell’Unione non possono accordare alle multinazionali dei vantaggi fiscali tagliati su misura a cui le altre aziende non hanno accesso”.

Sulle norme antitrust è forte la convinzione di un gruppo di Stati Ue, trai quali l’Italia, che si debba proseguire sulla linea intrapresa di intervenire con assoluto rigore a livello normativo onde costringere i vari giganti del web a pagare le tasse.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.