Trovano porta sfondata e immigrato a dormire nel loro chalet

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Quello che è successo lo scorso weekend a Monte San Giacomo purtroppo non ha dell’incredibile. Sconvolge una piccola comunità che si sente violata e violentata nella sua tranquillità fatta di sguardi noti e presenze rassicuranti ma non è che routine.  Venerdì pomeriggio una famiglia sangiacomese ha trovato un uomo di colore nel proprio chalet in montagna. Dormiva nel loro letto. Raccontano che avrebbe sfondato la porta, tentato di prepararsi da mangiare, sembra siastato nella loro casa un giorno e una notte senza provocare significativi danni materiali. Tanta paura e rabbia, da cui la famiglia “vittima” dell’episodio racconta di essere stata assalita. Il fatto porta con sé inevitabilmente una serie di riflessioni. Innanzitutto la consapevolezza che il Vallo di Diano non è né fuori dal mondo né fuori dalla storia, è investito esattamente come il resto d’Italia da quella che viene definita “immigrazione indotta” o più brutalmente “migrazione di ricambio”. Chevi sono delle anomalie nella gestione dell’accoglienza.

Che spesso si rivela un business e di solidale ha poco se permette di tenere degli esseri umani a far nulla dalla mattina alla sera, umiliando la loro esistenza e mortificando i loro talenti, le loro aspirazioni e togliendo loro ogni speranza di vedere realizzati i propri sogni. E quindi è molto verosimile che uno di loro esausto della vita, se così si può chiamare, che è costretto a fare decida di allontanarsi e vagare per chilometri alla ricerca di qualcosa, forse di azioni di semplice quotidianità, come può essere cucinarsi e prendersi cura di sé, tanto per avere la conferma di essere ancora vivo. Se poi tutto ciò cozza con il diritto di qualcun altro a non aver paura quindi il diritto a sentirsi al sicuro in casa propria, a poter camminare sereno per strada, allora il sistema di accoglienza ha fallito su tutti i fronti, e tale certezza non deve essere però un alibi per le istituzioni e le autorità più prossime ai cittadini che quei diritti devono comunque garantirli.

Fonte UnoTv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.