Salerno: il Questore dà la caccia ai parcheggiatori abusivi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Il Questore di Salerno Pasquale Errico in prima linea a dare la caccia ai parcheggiatori abusivi. E’ accaduto venerdì sera a Salerno. Il Questore si è mimetizzato tra gli automobilisti ed ha bloccato proprio il parcheggiatore abusivo che staziona nei pressi del Crescent. A raccontare l’intervento diretto del Questore, per acciuffare l’abusivo, il quotidiano La Città oggi in edicola.

A bordo di un’Alfa, assieme all’autista, dopo aver fatto allontanare una pattuglia di finanzieri all’ingresso del porto turistico, entra in azione il Questore – racconta La Città -. Il Questore, mimetizzato da semplice automobilista. finge di dover posteggiare e, com’è consuetudine, la manovra viene “diretta” dal parcheggiatore, che dà le giuste indicazioni, attendendosi poi, una volta completata la retromarcia, il pagamento di un “obolo”.

Non appena l’auto è accostata al marciapiede, invece, il capo della polizia salernitana si catapulta in strada, sorprendendo e bloccando il posteggiatore, che era comparso dal nulla non appena aveva fiutato il potenziale cliente.

Un intervento immediato dopo le esternazioni del Governatore de Luca che in Tv aveva pungolato il Prefetto di Salerno Salvatore Malfi e le forze dell’ordine per non riuscire a debellare la piaga dei posteggiatori non autorizzati in città.

Il duro attacco di De Luca, tuttavia, non è stato  apprezzato dall’opposizione al Comune di Salerno. Roberto Celano ,capogruppo di Forza Italia al Comune, definisce le esternazioni di De Luca un “delirio”. «Un parcheggiatore abusivo che opera a 50 metri dalla questura – sottolinea Celano – esercita evidentemente anche a 50 metri dal Comune. Potrebbero, dunque, intervenire anche più comodamente i vigili urbani».  Celano non condivide nemmeno l’attacco di De Luca al prefetto.

In difesa di prefetto e questore interviene anche il coordinamento provinciale di Forza Italia. «Il questore di Salerno, Pasquale Errico – dice Enzo Fasano – è un grande professionista. Un uomo di Stato che, con i suoi uomini, garantisce una costante azione a presidio del territorio».

Sul caso anche Pure il vice coordinatore provinciale di FI, Gaetano Amatruda  «De Luca – dice Amatruda – usa un linguaggio tribale. Gli attacchi alla Questura ed alla Prefettura sono da manicomio ».

Il dirigente forzista Vittorio Acocella sostiene, in merito al problema sicurezza in città, come «De Luca, invece di utilizzare i soliti metodi di offesa e scarico di responsabilità, farebbe bene a contattare il segretario del Pd, Matteo Renzi».

Posizione diversa, invece, del presidente della Commissione Trasparenza del Comune di Salerno Antonio Cammarota: «Perfettamente d’accordo con la denuncia di De Luca perchè l’obiettivo deve essere raggiunto e, sulla sicurezza in città, non devono esserci nè polemiche nè divisioni»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. CHE TEATRO! Poveri noi gente comune! Loro si incornano fanno teatro e noi ovunque a pagare oboli per parcheggiare! Fossero solo i parcheggiatori abusivi: tutti i giorni decine di venditori di calzini al Corso V.E., Lungomare invaso da zoccole e da merce tarocca, sosta selvaggia, frutta e verdura venduta ad ogni angolo di strada (igiene 00),………….. E loro fanno i pagliacci ( chi vuole capire capisce!)

  2. sta di fatto che le parole di De Luca sono servite. Ricordate quando queste cose le faceva lui insieme alla polizia urbana?

  3. Ormai Salerno è peggio di Napoli, De Luca ha portato i napoletani a Salerno. Queste sono le conseguenze…….. Purtroppo bisogna abituarsi

  4. Celano, Acocella, Amatruda……siete dei perdenti. Siete solo polemici e e perciò inutili. Altri Consiglieri,. tipo Cammarota, almeno sono costruttivi. Ma voi, perchè perdete tempo nella politica? Costruitevi un futuro, non avete un lavoro vero?

  5. Tutto inutile servono leggi chiare che garantiscano il carcere per questi reati, per non parlare del fenomeno di spaccio sul lungomare da parte degli africani, ieri si assisteva ad un continuo passaggio di droga. Oramai e del tutto insicuro passeggiare specie si hanno bambini. Che schifo di citta che sta diventando Salerno

  6. Ci voleva la voce del padrone, tutti sull’attenti ora. Potevano evitarsi la figura di merda facendo il loro lavoro.

  7. X Luigi
    I napoletani a Salerno non ci verrebbero mai perché non amano stare con le capre.

    Psichiatricamente tu soffri del complesso di inferiorità e avresti bisogno di un T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio ovvero procedure sanitarie normate che possono essere applicate in caso di motivata necessità e urgenza clinica, ad un soggetto che soffra di una grave patologia psichiatrica non altrimenti gestibile, a tutela della sua salute e sicurezza e/o della salute pubblica).

    x Ermanno Minoliti
    “A noi non serve un questore (massimo dirigente) che vada in strada a fare quello che dovrebbero fare i suoi sottoposti su sue dirette e precise indicazioni. A noi serve che il questore riconquisti alla legalità il centro storico e ridia dignità ai suoi residenti; il resto è aria fritta.”
    Ed il resto della città può marcire in quanto non te ne frega un piffero (da buon prevaricatore ed egoista salernitano).

  8. l’articolo prima racconta che l’abusivo ha diretto le manovre di parcheggio e poi sostiene che è sbucato dal nulla, dopo che il questore ha parcheggiato. Mah!!!

  9. Questa inutile azione mi ricorda tanto quella del giorno di Ferragosto. E’ molto triste e patetico vedere queste cose.

  10. Certo è inaccettabile che dei fatti così lampanti che si svolgono alla luce del sole e a pochi metri dalla Questura, debbano essere riferiti e sollecitati al Questore e al Prefetto, da un ex sindaco che abita a Salerno e che per motivi istituzionali lavora a Napoli.
    Guardate, che sempre in zona Teatro Verdi Via Roma altezza pensilina dei mezzi pubblici, staziona altro parcheggiatore abusivo questa volta è un uomo anziano e alto, che fingendosi seduto sulla panchina dei giardini di Piazza Luciani dirige le manovre di parcheggio delle auto chiedendo successivamente l’obolo.
    Altro, storico abusivo, è quello dinanzi allla Provincia che dispone a suo uso e consumo di tutta l’area innazi all’amm.ne prov.le sfidando i Carabinieri e la Guardia di Finanza, che in Via Duomo hanno le loro caserme.

  11. certo che siete tutti bravi a lamentarvi: e ci sono i parcheggiatori e vi lamentate, qualcuno fa qualcosa e vi lamentate, li portano in tribunale e scrivete petizioni per santificarli per i vostri porci comodi. ma che volete e rimboccatevi le maniche Dio mio!

  12. x10:08

    “vi” chi?

    Sembri non comprendere che le varie opinioni sono espresse da persone differenti.

    Ma si, facciamo di tutto un mucchio e poi via di “vi”, tanto per fare la parte dello sdegnato (da tastiera). Poi mettiamoci anche Dio e una frase latina presa da intennet che fa figo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.