Rottamazione bis delle cartelle esattoriali- modalità e termini di adesione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il 13 Ottobre il Consiglio dei ministri ha introdotto nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018 la cosiddetta “rottamazione bis delle cartelle esattoriali”,con l’obiettivo del Governo di reperire alle casse dello Stato ,con  la nuova proroga ,una cifra pari ad un miliardo di euro. Nel dettaglio il nuovo provvedimento
prevede:

  • La rottamazione delle cartelle notificate dal 1
    Gennaio 2017 al  30 settembre 2017
    : la domanda per accedere alla nuova rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia e AER dovrà essere presentata entro il 15 maggio 2018 e si potrà effettuare il pagamento delle somme dovute con lo stralcio di sanzioni e interessi di mora. Il pagamento della rottamazione potrà essere effettuato in un massimo di cinque rate di pari importo secondo le seguenti scadenze:

-I rata entro Luglio 2018;

-II rata entro Settembre 2018;

-III rata entro Ottobre 2018;

-IV rata entro Novembre 2018;

-V  rata entro Febbraio 2019.

  • La rimessione in termini per i contribuenti che non hanno adempiuto ai pagamenti delle rate scadute a Luglio e Settembre 2017 relativamente alla  rottamazione Equitalia 2016

I contribuenti che  non hanno pagato le rate in scadenza a Luglio e Settembre 2017 potranno mettersi in regola e non decadere dai benefici della prima rottamazione adempiendo ai pagamenti entro il 30 Novembre 2017,senza ulteriori addebiti.

  • La possibilità per i contribuenti con piani di rateizzazione attivi al 24 ottobre 2016 e non in regola con il pagamento delle rate di pagare l’importo dovuto e di presentare domanda di rottamazione bis delle cartelle Equitalia.

I contribuenti non in regola con il pagamento delle rate, in scadenza al 31 dicembre 2016, relativamente ai piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016 possono presentare domanda di rottamazione bis all’Agenzia delle Entrate Riscossione entro il 31 dicembre 2017 e pagare le rate non corrisposte entro il 31 Maggio 2018. Questa è un’assoluta novità della nuova rottamazione,perché questa fetta di contribuenti era stata esclusa dalla definizione agevolata prevista l’anno scorso.

La misura della definizione agevolata è stata da molti aspramente criticata poiché trattandosi di un condono fiscale vero e proprio incentiverebbe ulteriormente l’evasione fiscale.Non si può negare però l’effetto benefico che ha avuto sulle casse statali e nelle tasche dei contribuenti che hanno potuto porre fine ai loro problemi con il fisco. Vedremo se ci sarà una misura tris l’anno prossimo. Molto dipenderà dal ricavato finale del condono.

Fonte Studiodellaporta.it
(Annalisa Mura)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.