Cinema: il film ‘IT’ fa troppa paura, pubblico lascia la sala

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Attira le sue prede con i palloncini, il clown Pennywise che divora i bambini nel romanzo IT di Stephen King da cui è tratto l’omonimo film diretto da Andy Muschietti, atteso in tutto il mondo e giunto nelle sale italiane il 19 ottobre.

Ed è stato subito record, di incassi e di paure: con scene di panico tra il pubblico, ragazze in lacrime e file di spettatori che abbandonano la sala quando il mostro sta per avventarsi sul piccolo George (il fratellino del protagonista). Nonostante i palloncini rossi che attendono il pubblico nelle sale dove IT viene proiettato, alcuni degli spettatori paganti non reggono l’ansia di una visione tutta tensione e urla.

Pennywise è talmente inquietante, con i primi piani da incubo e con la sua andatura mostruosa, da aver provocato brutti sogni al suo stesso interprete, Bill Skarsgard, il quale durante le riprese del film – come ha raccontato lo stesso regista – spessa sognava di essere attaccato dal pagliaccio ideato da King oppure di non riuscire a tornare alla normalità dopo averne vestito i panni.

Il ritorno di Pennywise non attira solo pubblico al cinema: attorno alla ristampa del romanzo di Stephen King fiorisce un florido merchandising con le t-shirt del clown che si vendono in rete a 20 euro, le felpe a 47 euro e le cover dei cellulari a 27 euro. Il romanzo IT, a sua volta, è in questi giorni in cima alle vendite dei libri di King offerti su Amazon e terzo in classifica in assoluto tra i titoli ordinati.

La storia narrata da King, un gruppo di ragazzini in lotta contro un essere malvagio che ciclicamente si ripresenta nella cittadina di Derry, sarà divisa in due film: il sequel di IT è già stato annunciato per il settembre 2019.

Fonte IlSecolod’italia.it

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. AHAHHA ma siete seri?!?
    Io ho avuto modo di vederlo in lingua originale perché non potevo aspettare di vederlo con così tanto ritardo e, soprattutto, perché in italiano perde almeno il 20% della “mostruosità” e dell’originalita!
    Non capisco perché lascino questi film a chi è un “fan” e si andassero a vedere film o cartoni.
    Mah!

  2. Detto in italiano corrente: che cazzata!
    It è un film ben realizzato che fa Stabia qualche scossone ma chi dice che fa troppa paura non ha mai visto horror degni di tale appellativo

  3. È un film ben fatto, con la giusta dose di inquietudine…l’ho apprezzato molto, ma da qui a dire che la gente esce di sala (quando it attacca George? Scherzate? È praticamente l’inizio!)o che le ragazze piangevano nelle prime file…beh francamente mi domando se un vero horror lo abbiano mai visto!

  4. Il cervello umano fa”brutti scherzi è stato così publicizzato bene che il film potrebbe anche essere un bidone ma farebbe paura lo stesso. L ‘ho visto e tutto questo horror non l ho provato. Andate tranquilli a vederlo,mi sa che sono usciti per la noia

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.