L’Italia capeggia il fronte europeo del no al glifosato (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La scorsa settimana a Bruxelles un gruppo di associazioni, tra cui Greenpeace, ha manifestato per la campagna “Stop glifosato”.

La protesta è avvenuta davanti al palazzo in cui doveva tenersi la riunione – poi rinviata – tra gli esperti degli stati europei per decidere sul futuro del diserbante.

La licenza per l’Europa scade a metà dicembre, la Commissione Europea propone il rinnovo per altri 5 o 7 anni. Giorni fa il Parlamento Europeo aveva approvato una risoluzione, che però non è vincolante, la quale suggeriva invece l’abbandono graduale delle erbicida entro i prossimi 5 anni.

Come insegnavano i nostri contadini d’un tempo, il grano si fa col sole, ora però pare che non sia più così. I nostri mercati sono pervasi di frumento di varietà autunnale proveniente dal Canada, che a quelle latitudini non può arrivare a piena maturazione ed alcuni giorni prima, viene irrorato con glifosato.

Si tratta di un diserbante non selettivo, capace di eliminare le erbe che infestano campi, giardini, verde stradale senza distinzioni. La sua molecola viene scoperta negli anni cinquanta; dal 1974 è la multinazionale Monsanto a capirne le potenzialità ed a diffonderne l’utilizzo. Il glifosato diventa così il più usato e discusso erbicida.

Allo stato, gli studi scientifici sono pochi e controversi; chissà se anche per effetto del ruolo esercitato dai colossi agrochimici. E’ comunque forte il sospetto che la molecola non sia solo potenzialmente cancerogena, come dichiarato nel 2015 dallo IARC – l’Agenzia per la Ricerca sul Cancro della Organizzazione Mondiale della Sanità – ma anche un interferente endocrino, capace di danneggiare l’apparato riproduttivo e la flora intestinale. E’ cosi pare abbia potuto aver favorito la diffusione di talune patologie quali la celiachia.

Nel 2016 l’Italia ha bandito l’erbicida, oltre che dalle coltivazioni di grano, pure da parchi,  giardini, campi sportivi, scuole e strutture sanitarie. Il governo, attraverso i ministri delle Politiche Agricole, Maurizio Martina e della Salute, Beatrice Lorenzin, e con il robusto incoraggiamento di numerose associazioni, guida il fronte del no in Europa ed ha più volte cercato di impedirne l’uso sul territorio in base al principio di precauzione.

Purtroppo a Bari e negli altri porti del Sud, lo scorso anno, son state scaricate almeno 1milione e 200mila tonnellate di grano duro canadese. Sarebbero o no da ritenersi tecnicamente fuorilegge, in quanto trattate con glifosato?

A definire il quadro, si aggiunge la recente entrata in vigore del Ceta, l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada, il quale prevede anche l’azzeramento dei dazi, il tutto senza che la origine del grano sia riportata in etichetta.

E allora, possiamo mai continuare a far entrare dalla finestra ciò che mettiamo con fatica alla porta?

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.