Piano di depurazione acque in Costiera, De Luca inaugura cantiere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Al via i lavori per l’impianto di depurazione delle acque in Costiera Amalfitana: a servizio di sei comuni: Conca dei Marini, Furore, Praiano, Ravello, Scala e Atrani. Sopralluogo al cantiere del Governatore De Luca che ha dichiarato: «Il piano di depurazione delle acque della Costiera Amalfitana è un pezzo importante dell’intero piano che, in due anni, renderà balneabile tutta la costa campana, dal Garigliano a Sapri.

Stiamo aprendo uno dopo l’altro gli impianti di depurazione che erano fermi.
Qui, in questa parte di Costiera Amalfitana, avremo un solo depuratore al servizio dei Comuni, non i quattro o cinque inizialmente previsti, ma con un sistema di collettamento delle acque nere molto intelligente che consentirà di produrre anche energia elettrica sfruttando il dislivello della costa.

Un progetto strategico per avere qui, in una delle fasce costiere più belle del mondo, un mare davvero limpido tale da incrementare ancora di più l’arrivo dei turisti sulla nostra Costiera.

È stato un calvario. In Italia la cosa più complicata è ripartire dalle cose rimaste in sospeso. In ogni caso siamo partiti, il lavoro è cominciato.  Un anno di tempo e avremo risolto definitivamente il problema del disinquinamento delle acque della Costiera Amalfitana».

Foto IlVescovado.it

VIDEO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Quando leggo dei depuratori in costiera raggiungo il tuttopieno di veleno. Non pochi di noi ricordano i fantastici bagni al porto, Savoia, Marinelle, etc. Poi la migrazione forzata e i sudici bagni a Mercatello, con migrazione forzata, per chi poteva, nelle spiagge del Cilento. Tutto normale se fosse stato per una crescita della città con un più grande porto commerciale, ma non che fossimo costretti per tutta una vita a immergerci nell’acqua sporca della Baia causata dalle correnti di ponente provenienti dai paesi costieri. I loro alberghi hanno fittate stanze al costo di uno stipendio a notte, quei bravi cittadini hanno fittato a nero le loro case ai turisti e nessuno mai si è preoccupato di rispettare l’ambiente, curare la bellezza e la salute. A questi”merdaiuoli” mi verrebbe da chiedere i danni biologici non da solo ma con una giusta una class action di tutti quei salernitani che hanno dovuto fare il bagno nell’acqua sporca della Baia, chiedendo i danni alla divina Costa d’Amalfi che ha inquinato le nostre estati!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.