“Se non lo fai spiffero tutto”, ricatto a luci rosse a scuola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cyberbullismo e ricatti sessuali in un istituto scolastico privato di Monza. Un gruppo di studenti tra i 14 e i 15 anni ha raccontato di rapporti sessuali nel bagni della scuola e di immagini hot che rimbalzavano in rete e su WhatsApp.

Un ragazzo di 16 anni è stato accusato di violenza sessuale continuata, con l’aggravante di averla commessa in ambiente scolastico.

 

Giochi pericolosi sfuggiti di mano. Su cui sta indagando la Procura per i minorenni di Milano dopo la denuncia della vittima. Compagna di scuola del ragazzino. Costretta, in almeno dieci occasioni, ad avere rapporti sessuali nei bagni. Gli episodi risalirebbero all’anno scolastico 2015-2016, ma le violenze sarebbero continuate anche quando lo studente aveva cambiato istituto. Fino addirittura ai primi mesi di quest’anno. Violenze psicologiche, questa volta.

Perché secondo quanto raccontato al pubblico ministero, il ragazzino ossessionava la ex compagna con messaggi su Whatsapp nei quali le intimava l’invio di altre foto e video che la ritraessero nuda e in atteggiamenti sessuali, minacciandola – in caso di rifiuto – di condividere sempre tramite la app di messaggistica istantanea ma anche su altre community della rete, tutto il materiale hot fino ad allora ricevuto.

E anche di svelare ai compagni quello che era successo fra di loro. Ora l’incubo è finito. Anche se la ricostruzione di quanto sarebbe avvenuto nella scuola monzese ha portato alla luce altri episodi che la dirigenza dell’istituto aveva classificato come “episodi di bullismo”.

Fatti puniti con provvedimenti “del tutto arbitrari”, secondo parte dei genitori degli studenti che avevano pure rimarcato il “fallimento educativo della scuola”. Nei telefonini degli studenti, infatti, erano stati trovati messaggi con frasi razziste riferite a compagni di colore, botta e risposta con un “linguaggio aggressivo e irrispettoso” e ancora scambi di immagini e filmati con un esplicito contenuto pornografico.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.