Intercettazioni: De Luca, media ne hanno abusato in passato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Il decreto sulle intercettazioni come stop ad abusi mediatici? “Mi auguro di sì”. A parlare è Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ai microfoni di Lira Tv, in relazione al nuovo provvedimento del Governo Gentiloni sulle intercettazioni. De Luca evidenzia come “le intercettazioni siano uno strumento essenziale per forze dell’ordine e magistratura, per combattere la criminalità organizzata e prevenire, soprattutto di questi tempi, il terrorismo. Sono, dunque, irrinunciabili”. “Negli anni passati – ha affermato – abbiamo assistito a episodi di barbarie che hanno calpestato la dignità di donne e uomini poi risultati innocenti, episodi che hanno rovinato la vita alle persone nell’indifferenza generale”. “La ricerca della verità non può essere a discapito della dignità della persona – ha sottolineato – ma questo è un principio che in Italia è stato ampiamente e irresponsabilmente calpestato”. “C’è un problema del mondo dell’informazione – ha aggiunto – molti scambiamo la libertà di cronaca con la libertà di distruggere un essere umano, né significa che ti fai mandare sottobanco delle intercettazioni e le pubblichi. Questa è libertà di delinquere, non di cronaca”. De Luca ha ricordato il caso di Federica Guidi e delle sue dimissioni da ministro dello Sviluppo economico, in seguito alla pubblicazione di alcune intercettazioni. “Si è dimessa e non c’entrava niente – ha evidenziato -. Per quel caso ha pagato qualcuno? No. E ci sono stati decine di questi casi”. “Così si intacca il principio che debba esserci sempre una corrispondenza tra il potere e il controllo del potere stesso – ha proseguito – . Tra la libertà e il controllo”. “In America o in Gran Bretagna se violi la vita privata di un cittadino paghi, in Italia invece siamo alla barbarie. Ormai qui non si parla più nemmeno al telefono – ha detto ancora -. Credo che siano maturi i tempi per avviare un lavoro serio”. “Inviolabilità e sacralità della dignità dell’essere umano, ma chi sbaglia deve risponderne – ha concluso -. Vedremo la discussione in Parlamento e speriamo si arrivi a una conclusione”. (ANSA)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. le cose erano “un tantino” differenti.
    E come ti piaceva chiacchierare al telefono eh…?!?!
    Meno male che, ai tempi della tua inutile ed assente deputazione a Montecitorio, la politica politicante a cui appartieni ti ha salvato all’ultimo momento decidendo per la distruzione delle tue chiacchierate, altrimenti sappiamo bene come sarebbe andata a finire e soprattutto dove tu saresti andato a finire.
    Contro la casta e piazza i figli in quel modo, la politica politicante di cui poi ne e’ il re incontrastato in Campania, le intercettazioni che gli hanno gentilmente distrutto senno’ finiva in galera e lui piu’ ipocrita che mai, ancora, a chiacchierare non al telefono, ma a raccontare quello che piu’ gli fa comodo.
    Che Squallore!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.