Il giallo delle 26 donne morte. Erano destinate alla prostituzione?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
C’è chi esclude che facciano parte della tratta che importa baby prostitute nigeriane in quanto gli schiavisti non avrebbero trasportato su un gommone un “carico” così prezioso.

Eppure la tratta delle donne destinate al mercato del sesso percorre le stesse strade dell’immigrazione tradizionale.

In pratica  le ragazze dall’Africa Sub Sahariana sono scortate in auto fino alla Libia o alla Tunisia. Solo dopo vengono imbarcate sugli stessi gommoni degli altri disperati per sfruttare il sistema di accoglienza italiano che con i migranti ha maglie più larghe. Una volta sul nostro territorio finiscono nella rete degli aguzzini presenti sul posto che le avviano alla prostituzione. Per ora è solo una ipotesi. Come ci sono ipotesi sulle cause del loro decesso.

Le ventisei donne migranti morte, trasportate a Salerno a bordo della nave spagnola Cantabria, potrebbero essere decedute per annegamento. Le autorità salernitane, che stanno effettuando accertamenti sulla vicenda, ritengono che sia ancora prematuro esprimersi sull’accaduto in modo più definito.

Spiega il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi: “Le donne decedute, di nazionalità presumibilmente nigeriana, sembra fossero a bordo di un gommone dove vi erano anche uomini. Il barcone è affondato e le donne purtroppo hanno avuto la peggio, in quanto soggetti più deboli”.

Il prefetto tenderebbe a escludere collegamenti con la tratta delle donne: “Le tratte seguono altre dinamiche e altri canali. Caricare le donne su un barcone sarebbe un investimento rischioso che i signori delle tratte non farebbero, potendo perdere la ‘merce’, come la chiamano loro, in un solo colpo”.

Sulla nave spagnola, questa mattina, è salito anche il pm Luca Masini che sta seguendo la vicenda. Tutte le salme verranno trasportate all’obitorio dell’ospedale di Salerno per un primo esame esterno, oltre che per un tampone, per scoprire se le donne morte abbiano anche anche subito violenze.

In base agli elementi raccolti, il professor Antonello Crisci, perito della Procura, insieme alla sua equipe, valuterà se procedere con le autopsie. Una volta ultimati tutti gli accertamenti, nove cadaveri verranno sepolti nel cimitero del Comune di Salerno e i restanti nei comuni limitrofi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. non inventate false supposizioni per cercare di avere click,che tanto nessuno vi caga,limitatevi a pubblicizzare le lampadine che il vostro mestiere è quello

  2. che schifo ,,,al porto tra selfie e straordinari sai che magna magna…e solita disorganizzazione….ma aiutateli al loro paese…rip

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.