Nave migranti a Salerno: fermati due presunti scafisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un cittadino libico e uno egiziano sono stati fermati in queste ore dopo che la nave spagnola Cantabria è sbarcata al molo 3 gennaio, a Salerno, con a bordo 400 migranti e le salme di 26 donne tra i 14 e i 18 anni. I due giovani, di trenta e ventidue anni, sarebbero due presunti scafisti. Al momento si attendono maggiori dettagli dalla Procura di Salerno.

Ipotesi decesso
La prima ipotesi che viene avanzata sulle possibili cause del decesso è l’annegamento. A quanto pare le donne viaggiavano insieme ad altri migrani su un gommone che poi è affondato. Le donne, a causa della condizione di debolezza in cui si trovavano, non cel’hanno fatta. Ma questa ipotesi è ancora presto per accertarla. Sono necessari ancora svariati accertamenti. Le donne decedute sono presumibilmente di nazionalità nigeriana e al momento il prefetto vuole escludere l’ipotesi che si trattasse di una tratta destinata allo sfruttamento della prostituzione.

Seconda ipotesi
Al momento non è però da escludersi anche questa ipotesi, anche se il prefetto dichiara che l’organizzazione destinata allo sfruttamento della prostituzione segue altre dinamiche e altri canali. Per gli sfruttatori sarebbe troppo rischioso caricare tutta “la merce” (come la chiamano loro) in un solo barcone. Il rischio sarebbe troppo alto. Potrebbero perdere l’intero investimento in un colpo solo, rischio che gli uomini di quel mestiere non correrebbero mai.

Gli esami
Le salme delle giovanissime donne al momento si trovano nella sala mortuaria del cimitero di Salerno. Stanno ancora attendendo le procedure necessarie per avviare l’autopsia. Il perito della procura di Salerno, Antonello Crisci, ha inviato un’inchiesta e il primo esame che sarà effettuato è quello esterno sui corpi. Nell’arco della settimana si presuppone che gli esami siano completati. Successivamente saranno necessari anche esami istologici, tossicologici e quanto necessario per accertare la dinamica dell’accaduto.

In queste ore
Dopo le ipotesi avanzate c’è un’altra variabile da considerare. In queste ore infatti sono stati fermati un cittadino libico e un altro egiziano che pare siano coinvolti nella morte delle ventisei donne ritrovate sulla nave sbarcata al molo 3 gennaio. Le due persone individuate potrebbero essere i due presunti scafisti. I ragazzi hanno un’età compresa tra i trenta e i ventidue anni. Non possiamo ancora dichiarare nulla di certo, le indagini sono in continuo movimento quindi attendiamo dettagli ulteriori da parte della Procura di Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.