Sbarco Salerno: stavolta ci sono anche famiglie libiche in fuga dal caos

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
L’ennesimo sbarco di migranti a Salerno, per la cronaca il 22esimo nasconde altre storie alle quali al sito La Denuncia.it il Prefetto dà una risposta in maniera chiara. In effetti, considerando i numeri complessivi (401 migranti vivi) appare notevole la proporzione tra gli extracomunitari non di colore e questi ultimi. Approfondendo si comprende che, stavolta, ad arrivare sono anche 26 migranti apparentemente non disperati, con bagagli e figli al seguito, vestiti con abiti propri e non con le tute fornite dalla nave militare iberica Cantabria, con scarpe ai piedi mentre o subsahariani sono scalzi (particolare che significa molto), con in mano tablet.

Da dove vengono? “From Libya”, risponde la signora seguita da due bimbi tanto piccoli che appena camminano.
Libia, appunto: il Paese centrale in tutta la vicenda dei flussi migratori. Da lì passa la maggioranza dei migranti che intende raggiungere l’Europa; lì la Procura di Salerno si sta indirizzando nella ricostruzione dei 26 omicidi di ragazzine e, fatto nuovo, da lì partono coloro che in Libia avevano una degna posizione sociale ma che, evidentemente, non possono più difendere dal caos istituzionale e di (in)sicurezza letale come un precipizio. Non a caso uno dei due presunti scafisti fermati a Salerno è libico. Situazione che ben descrive l’Espresso nell’ultimo reportage nell’ex colonia italiana: “ Migliaia di migranti carcerati nei capannoni usati dai trafficanti come ‘bombe’ umane da sganciare sull’Italia nel caso in cui non dovessero essere accettate le logiche del ricatto. I superstiti raccontano l’intreccio criminale tra chi lucra sul commercio di esseri umani e i poliziotti di Tripoli. Gli affari delle milizie armate sono coperti dagli ufficiali in mare. Un Paese poverissimo e in balia della corruzione, in cui si vive di illegalità e contrabbando.

E i morti non si contano”. Tanto che chi può (ossia ha disponibilità economiche), paga e fugge. Come hanno fatto le donne libiche sbarcate a Salerno tesaurizzando un benefit rispetto ai disperati che giungono dal sub Sahara: non sono passate per i campi di concentramento, e si vede. Un’altra racconta di aver visto dei naufragi in un misto di speranza per la nuova vita che inizia che ancora, però, non riesce a scrollare da dosso l’incubo per quanto visto e vissuto. Racconti il cui senso è racchiuso in poche parole pronunciate dal mediatore culturale, di lingua-madre araba, che assiste il gruppo: “Vi sono tre governi ed un conflitto…”. In pochi minuti, sulla banchina del porto di Salerno, le storie e le vite si incrociano, si intrecciano. Come due mondi che vengono improvvisamente a contatto. “Posso scattarle una foto?” chiede la giornalista. Lei, con il capo avvolto dall’hijab dopo qualche attimo di esitazione risponde indicando di lato con lo sguardo e dicendo “husband” (marito). Rifiuta, si volta e sale sul pullmino a metabolizzare quel che è stato e a immaginare quel che sarà. Il faticoso percorso di integrazione è appena iniziato.

Fonte La denuncia.it

VIDEO LADENUNCIA.IT

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ma quale caos e caos … siete venuti in Italia non in Svizzera. Qui da anni c’è il vero caos.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.