Sandri: ex poliziotto Spaccarotella in semilibertà

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Dieci anni dopo l’omicidio di Gabriele Sandri, è passato al regime di semilibertà Luigi Spaccarotella, l’ex agente di polizia che sparò dall’area di servizio di Badia al Pino Ovest sull’A1 colpendo, dalla parte opposta dell’autostrada, il giovane tifoso laziale.

Condannato a 9 anni e 8 mesi per la morte di Sandri, Spaccarotella da qualche tempo può uscire di giorno dal carcere militare di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), dove sta scontando la pena, per andare a prestare servizio presso una Misericordia della zona.

Luigi Spaccarotella ha potuto accedere al programma di semilibertà avendo scontato metà della pena. Inoltre, padre Giovanni Serrotti, il sacerdote di Bibbiena che gli è sempre stato vicino, rivela come, negli ultimi mesi, l’uomo sia tornato un paio di volte ad Arezzo per vedere la famiglia.

Spaccarotella, in previsione della semilibertà, aveva cercato lavoro anche ad Arezzo ma ha trovato tuttavia le porte chiuse, sembra per timore di eventuali ritorsioni. L’11 novembre 2007, come poliziotto della polizia stradale, Spaccarotella era in servizio presso la caserma della sezione distaccata di Battifolle e faceva parte di una pattuglia che stava controllando l’autostrada.

Alla notizia di tafferugli fra un gruppetto di tifosi laziali e una macchina con sopra alcuni supporter della Juventus, il poliziotto accorse insieme ai colleghi e, dall’area di servizio sul lato opposto dell’autostrada esplose un colpo di pistola che superò la carreggiata e colpì Sandri alla testa, pur trovandosi a parecchie decine di metri di distanza.

A Spaccarotella la procura di Arezzo (con l’allora pm Giuseppe Ledda) contestò l’omicidio volontario con dolo eventuale. Oggi, a distanza di dieci anni, nell’area di servizio dove una targa ricorda la morte di Gabriele Sandri, questa mattina la situazione era tranquilla, con la giornata assolata come dieci anni fa e il solito via vai di viaggiatori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.