Cyberbullismo:4 su 10 hanno profilo aperto, rischio aumenta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Quasi tutti, il 95,5%, degli utenti della Rete tra i 15 e i 18 anni hanno almeno un profilo sui social network, ma la percentuale è alta anche tra i ragazzi più giovani, tra gli 11 e i 14 anni, che hanno accesso ai social nel 77,5% dei casi (anche se c’è un limite di 13 anni). A confermare dell’enorme diffusione di piattaforme come WhatsApp, Facebook e Instagram tra adolescenti e preadolescenti e i comportamenti a rischi collegati, è una ricerca condotta da quattro università, la Cattolica di Milano, Sapienza e Lumsa di Roma e Federico II di Napoli, per iniziativa dei Co.Re.Com di Lombardia, Lazio e Campania, presentata alla Camera al convegno ‘Cyberbullismo e comportamenti in Rete dei ragazzi: un viaggio da nord a sud’. Spesso l’uso dei social avviene senza una ‘rete di sicurezza’: infatti, il 57% degli intervistati (un campione di 1.500 studenti in Lombardia, Lazio e Campania) utilizza un profilo ‘privato’, i cui contenuti cioé non sono visibili agli estranei, mentre il 40,3% ha un profilo pubblico, e il 2,7% è inconsapevole, non ricorda. Le informazioni personali condivise sul profilo includono il proprio volo nel 73% dei casi, foto e video personali (72%), il congnome (64,7%). Quasi la metà condivide anche la scuola frequentata. Un po’ più di riservatezza la si ha rispetto al proprio numero di cellulare (che pure è condiviso dal 19%) e all’indirizzo di casa (9,1%). I pericoli sono di varia natura: il 27,8% dei ragazzi ha risposto che nell’ultimo anno ha sperimentato una forma di bullismo, il 20% ha ricevuto messaggi sessuali, il cosiddetto sexting, e circa il 5% si è accorto che qualcuno aveva creato un proprio profilo falso, il 13,6% ha trovato online foto che non voleva fossero pubblicate. La ricerca si è focalizzata anche su comportamenti a rischio, concludendo che un po’ di accortezza riduce i pericoli, ma non li elimina: coloro che impostano il proprio account in modalità ‘pubblica’ hanno circa il 10% di probabilità in più di sperimentare bullismo, sexting, e abuso i dati personali, mentre comportamenti più prudenti nella gestione della privacy riducono la probabilità di andare incontro a rischi, anche se non la annullano completamente. (ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.