La Cremonese sarà un brutto cliente per la Salernitana

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa

Sarà anche una neopromossa, ma in organico la Cremonese può contare sull’apporto di diversi giocatori che conoscono benissimo la categoria e di alcuni elementi che hanno giocato anche in massima serie. Il buon inizio di stagione dei grigiorossi, insomma, non è assolutamente frutto del caso. I lombardi hanno finora conquistato 21 punti (lo stesso bottino della Salernitana e della corazzata Empoli), frutto di 5 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte, con 23 gol fatti (uno in meno dei granata) e appena 17 subiti (il team di Bollini è a quota 20).

Quella rimediata nello scorso turno col Palermo (1-2), salvato dal palo e dalla bravura del portiere Pomini, è stata la prima sconfitta casalinga per la Cremonese, che in precedenza allo stadio Zini aveva raccolto sempre punti (2 vittorie e 4 pareggi). Fuori casa, invece, i grigiorossi hanno avuto un rendimento costante (3 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte), dimostrando di avere personalità e qualità. Mister Tesser, che ha lasciato fuori lista l’ex granata Moro e che dovrà fare a meno dell’infortunato Paulinho, schiera i suoi col 4-3-1-2. Dietro le punte (dopo lo stop rimediato dall’ex Livorno a Perugia stanno giocando Brighenti e Mokulu) agirà Antonio Piccolo, prodotto del vivaio della Salernitana, in passato oggetto del desiderio dei granata.

Guai a concedere, dunque, calci piazzati dal limite ai lombardi, visto che l’ex Spezia è uno specialista. Occhio anche ai calci d’angolo, con il difensore Claiton (anche l’ex Crotone è stato vicino in passato alla Salernitana) che ha già timbrato 3 volte il cartellino. La diga di centrocampo è composta da Croce, Arini e Pesce, che abbinano esperienza, filtro e qualità, forse non tantissima “gamba”. A guardia della porta di Ujkani, invece, ci saranno Almici, Canini, Claiton e Renzetti. In panchina con Tesser ci saranno elementi che possono essere chiamati in causa in qualsiasi momento come gli attaccanti Stanco e Scappini, i centrocampisti Cinelli e Scarsella e l’ex Giampietro Perrulli, che pur non essendo riuscito a lasciare il segno in granata conserva un bel ricordo dell’esperienza vissuta a Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. caro direttore vorresti , questo articolo, mettere ansia alla tifoseria??…nemmeno stessimo per affrontare il barcellona , il real madrid o la picentina !! SIAMO LA SALERNITANA , ABBIAMO FIOR FIOR DI ATTACCANTI….UN CENTROCAMPO SOLIDO…ED UNA DIFESA ALTRETTANTE….E POI…ABBIAMO LA CURVA CHE SPINGE…OLTRE IL 90°…;

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.