Violenza donne: Ferrovie aderiscono a campagna per promuovere numero 1522 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Gruppo Ferrovie dello Stato sostiene la nuova campagna di comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità per promuovere il 1522, il numero telefonico gratuito antiviolenza e antistalking (attivo da gennaio 2017). Gli spot della campagna, realizzati con l’obiettivo e di incoraggiare le donne a denunciare qualsiasi forma di violenza, sono stati presentati oggi a Roma da Maria Elena Boschi, sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, e da Lucia Annibali, Consigliera in materia di Pari Opportunità, nell’ambito delle iniziative dedicate alla Giornata intenzionale contro la violenza sulle donne (che si celebrerà il 25 novembre 2017).
“E’ un onore per il Gruppo FS Italiane sostenere questa campagna. Metteremo a disposizione tutti i nostri canali di comunicazione per diffonderla”, ha dichiarato Carlotta Ventura Direttore Centrale Brand Strategy e Comunicazione FS Italiane. “Abbiamo avviato molte iniziative per sostenere le donne e contribuire a difenderle dalla violenza fisica, ma anche da quella verbale, ad esempio attraverso telecamere a bordo dei treni di Trenitalia. Il focus del messaggio – ha aggiunto – è incentrato sui bambini e sulla violenza assistita dai figli nei confronti delle mamme e sugli effetti della violenza che i bambini ‘vivono e subiscono’ a loro insaputa”.
Il Gruppo FS Italiane è impegnato in diversi progetti di sensibilizzazione sui diritti delle donne, contro la violenza e a favore dell’integrazione e affermazione dell’autostima in famiglia, nelle comunità e sul lavoro. Fino al 30 novembre 2017 il Gruppo FS Italiane darà visibilità all’iniziativa #TimeOut” Non c’è più tempo di WeWorld, Organizzazione non governativa di cooperazione allo sviluppo, riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri italiano. Quest’anno in collaborazione con Trenitalia (Gruppo FS Italiane) è stata attivata una raccolta fondi utilizzando il resto dei biglietti emessi con le self service. I fondi andranno a favore dei Centri per la Donna creati per far emergere situazioni di disagio sociale e favorire il reinserimento sociale e lavorativo delle donne potenzialmente, o effettivamente, vittime di violenza, nelle zone più ‘difficili’ di Napoli, Palermo e Roma.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.