‘Io commerciante, vittima della delinquenza’, Alessia scrive al Sindaco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Stranieri mangiano bevono e compiono scempi all’interno del negozio che gestisce a Via Grisignano a Torrione.  Alessia Noemi Fortunata giovane commerciante salernitana ha scritto una lettera al sindaco Napoli dopo l’ennesimo episodio di delinquenza di cui è stata vittima. A raccontare la storia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola che riprende un post pubblicato su facebook dalla ragazza.

Nella lettera al Sindaco Alessia chiede a a gran voce di tutelare la sicurezza dei cittadini, che non si sentono al sicuro in “casa propria”. Nella mattinata di ieri, nell’alzare le
saracinesche del suo negozio di alimentari, sito a Torrione – in via Paolo Grisignano, la 21enne Alessia Noemi Fortunato si è ritrovata di fronte allo scempio perpetuato nel
suo locale da alcuni extracomunitari che vivono in zona, i quali hanno mangiato, bevuto, e usato il bagno del suo locale in maniera indecorosa, compiendo nel suo habitat
di lavoro non soltanto un reato, ma una vera e propria violenza psicologica.

La ragazza carica la maggior parte delle colpe principalmente sulla mancanza di controllo da parte delle forze dell’ordine, e scrive sul social una lettera aperta al sindaco, Vincenzo Napoli, “Questa mattina, nel provare ad aprire la saracinesca del negozio, mi sono accorta che la chiave non girava; ho chiamato quindi mio padre per farmi dare una mano ad aprire”, racconta.

“Entrando ho trovato gli ingredienti che uso di solito sul bancone, pensando
che mio padre avesse aperto presto per preparare qualcosa a qualche cliente. Solo dopo poco mi sono accorta però della cassa aperta, vuota, del locale in disordine,
e del bagno ridotto in condizioni pietose, essendosi puliti con il mio grembiule da lavoro, dopo la defecazione”.

A far scattare la molla della lettera pubblica al sindaco non sono stati i pochi euro prelevati dalla cassa, ma la convinzione, da parte della ragazza, che chiunque può introdursi in “casa tua” con facilità, a causa della scarsità dei controlli, non perpetuati con regolarità dalle forze dell’ordine, che permetterebbero l’accadimento di episodi simili.

«Chiedo al sindaco una maggior sicurezza, ma non incolpo gli extracomunitari
se non mi sento al sicuro a “casa mia”. La colpa è di chi dovrebbe proteggerci e non lo
fa, della mancanza di controllo. È normale che queste persone senza
casa e affamate possano girare indisturbate a fare i loro comodi, senza
che nessuno prevenga simili episodi?

Solo poco tempo fa è accaduto un altro episodio simile. Ero in bagno, quando all’improvviso ho sentito un rumore provenire da fuori: un extracomunitario, alto, molto “grande”, provava ad entrare nel locale. L’ho messo in fuga gridando e afferrando
un coltello, ma da allora mio padre, spaventato, non mi ha permesso più di tenere il locale aperto la sera.

Prima restava aperto fino a mezzanotte, poi fino alle nove, ora la sera non apriamo proprio più, siamo aperti solo a pranzo. Tutto questo perché io non sono al sicuro in “casa mia!», si sfoga Noemi.

«In un anno ho visto una sola volante passare in zona. È normale tutto questo?
– chiede retoricamente. – E un mese fa è successa una cosa simile in un altro negozio: è ora che chi deve tutelarci si dia una svegliata, perché qui non ne possiamo più!»

Questa situazione trova sede principalmente a Torrione, zona che registra un considerevole flusso di immigrati, che vivono alla meno peggio, spinti dalla disperazione, unito alla presunta scarsità di controlli da parte delle forze dell’ordine, che rendono la zona poco sicura per i cittadini, inanellando un susseguirsi di episodi simili, che generano paura e rabbia tra chi in casa propria dovrebbe vedersi garantita almeno la sicurezza personale”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Io penso che a questo punto che le istituzioni non hanno ne la volontà, ne la capacità di tutelare il cittadino , sia giunto il momento di organizzarsi in ronde e farsi giustizia privata, prima che le cose degenerino con al nord Italia. Quest’estate ho conosciuto una coppia di pensionati del nord Italia che si sono trasferiti alle Canarie per via delle tasse e della violenza fisica e psicologica che subivano quotidianamente da gruppi di extracomunitari che vivevano nella loro zona e che le forze dell’ordine non riuscivano a gestire… Povera Italia, poveri noi, si salvi chi può !!!
    Non vedo l’ora di votare, se ci faranno mai votare !!!

  2. E il questore “sempre pistola sotto giacca e sempre pronto all’azione ” che decanta sempre e comunque che Salerno è città sicura e che i salernitani possono dormire sonni tranquilli, che dice?
    Che fallimento questo stato italiano e queste istituzioni, buoni solo a tartassare i cittadini

  3. Sono le ….risorse…LORO (infatti sappiamo quando con lo ius soli voteranno…chi voteranno) ma attenzione a pensare con la TUA testa altrimenti diventi ignorante e razzista…e poi…populista!
    Oramai siamo un popolo che ha subito un’invasione da persone straniere che NON fuggono da una guerra…ma sono migranti economici…che nessuno dell’Europa vuole… infatti la Spagna che come noi fa parte dell’Europa fa in modo che non si accostino ai loro confini, molto più facili da raggiungere tramite lo stretto di Gibilterra, altrimenti si difende sparando…Qui,invece,non si deve sparare nemmeno se ti trovi in casa il ladro (di qualsiasi nazione) che viene in casa tua…solo per guardare la tua tv e non per minacciare la tua famiglia…Andiamo a votare…subito ma ricordate,quando votate,che chi ha governato ha pensato solo alla poltrona propria ma non agli italiani….politici accattoni…maiali…forse anche collusi…

  4. Non e’ vero, non e’ possibile. E’ tutto falso. Queste cose nella citta’ delle luci non accadono. I soliti fascisti che parlano male degli extracomunitari. Bisogna condividere. Come fa renzi. Cosa pretendi che la polizia e i vigili al posto di accendere le luminarie vengano vengano a presidiare quartieri fuori mano come torrione?

  5. sono le risorse della sinistra scellerata che sta consentendo una invasione incontrollata sulla pelle delle gente !!!!!

  6. vedere entrare i ladri nel proprio negozio per mettere tutto sottosopra….che cagano e imbrattano tutto….ma certamente la signora li ha visti in faccia e sa riconoscerli, cosi possono arrestarli….!

  7. Ci sono cresciuto a torrione……dal 65 al’88……torrione si distingueva dalle altre frazioni di Salerno…..e ci si conosceva tutti…..gli anni 70/80 fino agli inizi 90…i migliori x rispetto educazione ed amicizia……ma penso ormai si sia perso ovunque….

  8. la signora li ha fotografati, li ha ripresi, li ha visti in faccia….li denuncia e li arrestano…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.