Mauro, ‘Falco’ della Polizia salva un uomo mentre è in pausa caffè

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Mauro è un Falco della Squadra mobile di Salerno e il suo lavoro è abbastanza avventuroso come potete immaginare ma l’avventura più drammatica l’ha vissuta alla macchinetta del caffè in ufficio. Non sto scherzando.

Era con un collega e mentre stava per bere il suo espresso ha visto un uomo appoggiarsi pesantemente allo stipite di una porta. Tutti nella questura conoscono quel signore gentile che con sua moglie si occupa delle pulizie e Mauro si è subito avvicinato perché ha capito che qualcosa non andava.

Il tempo di fargli una domanda e gli è caduto addosso esanime e con il volto cianotico. Insieme al collega lo ha steso a terra e l’assenza di battito al polso gli ha rivelato che era in arresto cardiocircolatorio.

Grazie a vari corsi fatti per lavoro, non ultimo quello alla Croce Rossa, ha subito messo in pratica la manovra BLS (basic life support) e ha urlato di chiamare un’ambulanza con defibrillatore. Poi ha iniziato a fare le compressioni sul torace e a insufflare aria nei polmoni. Passano diversi minuti ma niente.

Le persone intorno cercano a quel punto di confortare Mauro per farlo smettere, ma lui non si dà per vinto e ha ragione. All’improvviso c’è un piccolo movimento della gamba e poi l’uomo in terra tossisce. Il cuore è ripartito. Arriva la prima ambulanza ma non ha il defibrillatore e nel frattempo l’uomo ha un secondo arresto. Il medico a bordo del mezzo, insieme a Mauro, riprende a rianimarlo mentre aspettano che arrivi un’altra ambulanza idonea.

Anche stavolta riescono a far ripartire il cuore e quando arriva il mezzo viene portato d’urgenza in ospedale dove ha un terzo attacco e finisce in coma per diversi giorni. Le terapie giuste in ospedale lo salvano e quando si sveglia gli raccontano di come lo hanno riportato in vita per tre volte e vuole parlare al telefono con Mauro che non dimenticherà mai quella voce rotta dall’emozione che lo ringrazia. 

Questa storia è stata raccontata dalla pagina Facebook della Polizia di Stato, Agente Lisa.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.