B Marzio a Salerno con Alessandro Rossi: «In granata occasione unica!»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il dubbio era tra un palleggio-arresto-tiro dalla lunetta e un dribbling sul limite dell’area di rigore. “Ma con questi piedi che mi ritrovo, forse vado meglio a canestro”, ride Alessandro Rossi (21 anni da compiere a gennaio) che ricorda ancora di quando la sua vita sportiva era a un bivio: basket o calcio.

“In realtà da piccolo ho giocato anche a rugby che era lo sport che piaceva a mio padre”. Eppure oggi è uno degli attaccanti più promettenti che ci sono in Italia. “A calcio ho iniziato a giocare a 9-10 anni”. E addirittura nella stessa settimana ha sostenuto sia un provino con una squadra di pallacanestro (la “Tiber Basket”) che con la Lazio. “Poi ha prevalso la passione per il calcio e la mia voglia di diventare l’attaccante titolare della squadra per la quale faccio il tifo”

Il basket, però, fa parte del dna di Sandro – così come lo chiamano tutti nella sua Viterbo – anche per merito di una mamma (Angela) che ha giocato in serie A e di un nonno (Settimio) che addirittura ha indossato la maglia della Nazionale. “Rappresentano per me due punti di riferimento unici. Anzi, rimpiango di non aver dedicato abbastanza tempo a mio nonno prima che ci lasciasse. Solo ora mi rendo conto che avrei dovuto mettere da parte le cavolate che si fanno da ragazzo per essere più presente nella sua vita”. Sì, perché la famiglia è un punto centrale della vita di Sandro.

“Siamo in 7”. Come? “Mamma, papà, i miei due fratelli e…i due cani”. A proposito di famiglia, Elena Sofia è la sua sorella gemella, non solo dal punto di vista della data di nascita. “Abbiamo sempre fatto lo stesso sport: io giocavo a basket e lei giocava a basket con me, io giocavo a calcio e lei giocava a calcio con me. Praticamente abbiamo sempre fatto tutto insieme”.

Sono talmente legati che lei e sua mamma non si perdono quasi mai le partite di Sandro dal vivo. Ed erano sugli spalti dell’Arechi quando lui ha segnato la sua prima rete (e la sua prima doppietta) tra i professionisti. “Un’emozione unica. E alla fine della partita il mio primo pensiero è stato quello di condividere con loro il momento”. Uno dei due gol è stato definito alla “Holly e Benj”, una definizione davvero perfetta. “Da bambino ero appassionatissimo di quel cartone giapponese e quando sono partito per venire a Salerno mi sono portato dietro una statuetta di Holly con la speranza che portasse fortuna”. La conserva a casa perché gli ricorda Simone Inzaghi. “Ai tempi della Primavera della Lazio mi diceva che io ero come Holly”. Oggi è alla sua prima esperienza lontano da casa. “Praticamente qui sto imparando a fare tutto da solo, ma ho fatto questo scelta anche per mettermi alla prova. Era venuto il momento di crescere”.

Nella sua Viterbo torna raramente. Un po’ perché la famiglia lo va a trovare molto spesso e un po’ perché c’è Alice che lo aspetta a Bologna. “Ci siamo fidanzati un annetto fa ed è la mia forza. Mi aiuta nei momenti più difficili e siamo legatissimi”. Quelle con lei sono le uniche foto che ci sono in casa, piccoli ricordi nel suo piccolo mondo tutto nuovo. Immancabili i joystick della Play Station, qualche gioco da tavola e tanti libri. “Mi piace leggere. Qualche tempo fa ero affascinato dalla scrittura di Coehlo, mentre adesso mi sono appassionato molto ai gialli sia italiani che francesi”. In cucina prova a migliorare ogni giorno grazie alle lezioni telematiche di Alice, “quando mi metto ai fornelli la chiamo su FaceTime e lei mi dà i consigli giusti per preparare le varie ricette”.

E poi c’è la Salernitana, la sua nuova famiglia. “Mi hanno accolto alla grande. Tutti qui mi danno consigli e per me è una grande opportunità. Vengo dalla Primavera della Lazio e sono il più piccolo, avere tanti compagni come Rosina, Perico, Tuia e tutti i più anziani è un’occasione unica”. Anche perché nello spogliatoio si tira anche un po’ a canestro. “Quasi ogni giorno sono immancabili le sfide con Della Rocca”. Per non perdere le abitudini di una volta, per ricordare il nonno Settimio e tenere fede a quel dna che mamma Angela gli ha trasmesso con tanto amore.

Fonte Lega B

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.