Tassa rifiuti, Salerno la quinta città più cara d’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Le dieci città con la tassa sui rifiuti più cara, con una spesa annua che supera i 400 euro, sono tutte al sud, tranne Pisa. La Campania è la regione più cara (418 euro annui), il Trentino Alto Adige quella più economica (197 euro). Lo rivela la annuale rilevazione dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, prendendo come riferimento nel 2017 una famiglia di 3 persone e una casa di proprietà di 100 metri quadri. Resta più o meno stabile la tassa sui rifiuti nel nostro Paese: nel corso del 2017, una famiglia media italiana ha pagato 300 euro (contro i 297 del 2016). Confrontando i singoli capoluoghi di provincia, Belluno si conferma la città più economica (149 euro all’anno), Cagliari la più costosa (549 euro). Poi vengono Trani (496), Ragusa (492), Siracusa (486), Salerno (468), Reggio Calabria (459), Benevento (453), Napoli (448), Pisa (447) e Agrigento (432). L’incremento maggiore della tassa quest’anno si è avuto in Abruzzo (+6,5%), in particolare a Chieti, dove la tariffa dei rifiuti è salita a 338 euro rispetto ai 270 del 2016 (25,2%). Crescono anche i livelli di raccolta differenziata: nel 2016 (ultimo anno disponibile) secondo dati ISPRA, siamo arrivati a livello nazionale al 52,5% (+5% rispetto al 2015), mentre il 25% finisce in discarica. Tutte in aumento le percentuali di raccolta differenziata regionali. Quelle più virtuose sono Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, che confermano la tendenza degli ultimi anni. Le regioni fanalino di coda sono la Sicilia, l’unica a non raggiungere la soglia del 20%, e il Molise. In Calabria e Basilicata nel corso di un solo anno è aumentata considerevolmente la percentuale di raccolta differenziata, mentre lo smaltimento in discarica è aumentato in 5 regioni, in particolare in Abruzzo (+12%). (ANSA).
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Solo che nel Trentino le città sono pulite e i rifiuti non sono accantonati sulla strada. E il Sig. De Luca & F & C. non vengano ha dire che è colpa del cittadino che è cafone, ma di una politica di lavoro clientelare.

  2. Dopo le nuove Mandrie di turisti per le lucine Salerno diventerà sicuramente la città con le vie pedonali più disastrate d’Italia, oramai sul corso si dovrebbe mettere l’obbligo di indossare le scarpe da trekking, tanti sono i buchi e gli avvallamenti, l’ennesima beffa per il normale cittadino che paga i tributi comunali e vede la città peggiorare di giorno in giorno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.