Obiettivo Salernitana: quota 30 punti prima del giro di boa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Ieri «squadra da oratorio quella sconfitta a Cittadella» oggi: «Giornata storta al Tombolato spero in episodio isolato»: Usa il bastone e la carota Angelo Mariano Fabiani dopo il ko in Veneto di sabato scorso. Due distinte interviste, la prima al Mattino, nella giornata di ieri che riportava dichiarazioni a caldo dopo la sconfitta ed una più meditata e ragionata concessa a La Città oggi in edicola dopo aver sbollito tutta la rabbia accumulata per la beffa subita. Fabiani non parla però mai a caso e sull’onda emotiva. Se ha usato il bastone, in prima battuta, lo ha fatto probabilmente perchè al di là della sconfitta a Cittadella qualcosa non ha funzionato nell’atteggiamento. La Salernitana è sembrata spenta, senza grinta e determinazione.

Lontana parente di quella ammirata ed apprezzata nelle precedenti gare. Il campo pesante, la pioggia, le assenze e chi più ne ha più ne metta ad oggi sono alibi che non reggono. La squadra è incappata in un incidente di percorso, ci può stare ma ora già da Brescia bisogna dare segnali diversi rispetto a quelli del Tombolato.

“Se non corri, diventi la squadra sparring partner dell’altra. E noi abbiamo allenato il Cittadella – aveva detto Fabiani a Il Mattino – parlando di Salernitana non pervenuta. Se c’era qualcuno stanco, avrebbe dovuto dirlo al mister. Siamo stati passivi, abbiamo fatto giocare gli avversari. Con questo non bisogna far drammi, una partita sotto tono ci può stare in un campionato così lungo e dispendioso. Ma è bene che la squadra capisca che nessuno regala niente ed occorre stare sempre sul pezzo”.

Già perchè con l’anemia di vittorie e la lunga striscia di pareggi ci vuole poco per ritrovarsi da una parte e dall’altra della classifica. Nelle prossime cinque giornate che ci separano dal giro di boa la Salernitana giocherà in quattro occasioni con squadre che si trovano nella parte bassa della classifica. Brescia, poi Perugia, Entella, Foggia e finale con il botto a Palermo contro l’attuale capolista. L’obiettivo è girare almeno a 30 punti . Obiettivo alla portata dei granata che devono necessariamente tornare a vincere. L’appuntamento con i tre punti manca infatti da oltre un mese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Se questo signore avesse fatto il suo dovere e comprato un centrale tra gli svincolati subito dopo la partita con l’Empoli, invece di aspettare 3 settimane per fare magheggi, oggi avremmo almeno 5 punti in più. Col Bari e la Cremonese, con un centrale alto e bravo di testa non avremmo preso gol. Poi Bollini ci mette del suo, ma fin quando giochi con terzini a centrali, incluso Popescu che è un terzino, non ti puoi lamentare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.