Napoli dice addio alla Champions, battuto dal Feyenoord. Dopo Juve altro ko

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Secondo ko di fila per il Napoli che, dopo aver perso la prima gara in campinato, contro la Juve alza bandiera bianca anche in Champions battuto dal modesto Feyenoord.

Sconfitta che elimina gli azzurri dalla Champions. Contestualmente, infatti, lo Shakhtar Donetsk ha battuto il Manchester City in Ucraina consolidandosi al secondo posto.

Il Napoli chiude così nel modo peggiore la sua avventura in Champions ed è costretto a ripiegare sull’Europa League, una competizione che, per le modalità e i tempi di svolgimento, porterà via tante energie e che proprio per questo non viene vista con grande favore nell’ambiente azzurro.

La partita di Rotterdam è quasi avvilente per il Napoli e dimostra l’involuzione tecnico-tattico e soprattutto atletica dei partenopei che sono ormai in un momento che si può considerare di vera e propria crisi.

Il problema non sono neppure i risultati, perché le due sconfitte consecutive con Juventus e Feyenoord, anche se gravi, sarebbero tuttavia facilmente digeribili. Il problema vero è la mancanza di fondo atletico, la pochezza di idee, l’involuzione nell’applicazione degli schemi che creano apprensione.

A questo si unisce poi il fatto che gli infortuni, soprattutto quello di Insigne, assente in Olanda, che si unisce a quelli ‘storici’ di Milik e Ghoulam, indeboliscono ancor di più la rosa e non consentono a Sarri di poter contare su un numero di uomini adeguato agli impegni.

Con il Feyenoord la gara si mette subito nel verso giusto. Dopo 1′ il Napoli è già in vantaggio grazie ad un gol di Zielinski. Nel primo quarto d’ora di gioco prima Mertens e poi Hamsik potrebbero raddoppiare, ma sprecano le occasioni ed allora viene fuori il Feyenoord che si dimostra una squadra modesta sul piano tecnico ma molto aggressiva e volenterosa.

Un grave errore di Albiol a centro area consente agli olandesi di pareggiare al 32′ con Jorgensen. Da quel momento e fino all’inizio del recupero non succede più nulla. Il secondo tempo è da dimenticare. Le squadre si fronteggiano in maniera stucchevole a centrocampo e non sono i grado di creare neppure un’opportunità per segnare.

Al 46′ il Feyenoord batte un calcio d’angolo sul quale Albiol – principale responsabile della sconfitta – non colpisce il pallone e consente a St Juste di insaccare con una deviazione di testa. La partita finisce qui e con essa il sogno del Napoli e la sua partecipazione alla Champions. Si ricomincerà dall’Europa League, ma prima la squadra ha bisogno di ritrovare se stessa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.