4R e le giovani generazioni contro gli sprechi (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Tutto a 10 centesimi”, è la eccezionale offerta natalizia che in poche ore ha fatto svuotare gli scaffali di una cooperativa di consumatori britannici, la quale ha deciso di mettere in vendita nei propri supermercati una selezione di prodotti ancora commestibili, sino a 30 giorni dopo la data di scadenza.

La iniziativa durerà un mese, anche grazie al sostegno delle associazioni antispreco e dei consumatori. Si stima che ogni anno in Gran Bretagna ben 110 chili di cibo per ogni abitante finiscano nella spazzatura; in Italia sono 2 i chili in meno. Anche se non tutto il cibo mandato al macero sarebbe da buttare.

Ad esempio, gli alimenti secchi e lo scatolame di fatto non hanno scadenza e se si considera che la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro il” non vuol dire che il cibo non è più commestibile, la lista può certamente allungarsi. Secondo la Fao ogni anno vengono gettate 630 milioni di tonnellate di alimenti ancora buoni, una quantità sufficiente a sfamare intere popolazioni. 20 milioni di tonnellate nel nostro Paese.

Tutto ciò richiama alla mente una bella idea messa in campo, da alcuni mesi e su vari fronti, in particolare su quello dell’associazionismo, da un importante imprenditore campano del Food, Sergio Esposito, riassunta e declinata efficacemente in 4R: Recupero, Riciclo, Riduzione, Riutilizzo.

Un sorta di format attraverso il quale spiegare in maniera semplice, diretta e didascalica, come prendere coscienza degli sprechi di vario genere. Come, rivedendo gesti e abitudini del quotidiano, ciascuno può fornire un apporto significativo per arginare il fenomeno e migliorare lo status quo. Il tutto mediante la promozione di incontri qualificati e rivolti sopratutto alle nuove generazioni.

Immaginiamo quali risultati si potrebbero conseguire sin da subito se solo le comunità, piccole e grandi, si dessero e rispettassero elementari regole di buon senso, ancorché di civiltà. Ed è fra i giovani che si colgono attenzioni e sensibilità elevate, che viceversa troppo spesso vengono strumentalmente sottostimate.

Quando opportunamente pungolati, i ragazzi mostrano un interesse sincero verso temi simili, probabilmente perché hanno piena consapevolezza dei pericoli a cui il mondo per mano dell’uomo è sempre più esposto. Essi si rendono pronti a prestare non solo la loro attenzione, ma ad offrire un contributo concreto, se solo gliene venisse offerta concreta opportunità.

E’ l’evidente segno che desiderano, anzi vogliono, rivendicare pieno il diritto ad essere coinvolti nelle scelte che riguardano il proprio futuro.

Editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.