Salernitana, riveduta e corretta: le riflessioni dello scrittore Elvio Forte

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La Salernitana cambia rotta: ecco le riflessioni dello scrittore Elvio Forte, autore del libro “Salernitana: questa passione ha quasi un secolo..”
“La Salernitana ha dunque un nuovo allenatore. La società dopo una serie di risultati non brillanti ha deciso di esonerare Alberto Bollini e di ingaggiare, in sua sostituzione, Stefano Colantuono. Il tecnico nato a Roma nel 1962, sembra essere l’uomo giusto, in grado di risollevare il cammino della squadra granata che si è interrotto bruscamente nelle ultime giornate. I tifosi e gli sportivi salernitani hanno accolto la notizia con un sentimento di esaltazione misto ad un inconsueto stupore. La domanda più frequente, per chi segue le vicende della Salernitana, ora, è la seguente: “Perchè Claudio Lotito ha deciso tutto questo?” Tutto sommato Alberto Bollini stava conducendo un campionato apprezzabile e quasi sicuramente sarebbe comunque riuscito nell’impresa di condurre l’undici granata alla salvezza. Incanalandoci in un discorso puramente economico,conoscendo l’indole del patron, le prestazioni del tecnico di Poggio Rusco, “convenivano” a questa società. Bollini è un uomo di Lotito che è cresciuto e si affermato negli ambienti di Lazio e Salernitana, percependo uno stipendio modesto. Quindi perchè accollarsi un nuovo ingaggio e mettere a libro paga un nuovo allenatore? Nella peggiore delle ipotesi la compagine granata sarebbe comunque riuscita nell’impresa di raggiungere una tranquilla salvezza. L’avvento di Stefano Colantuono ora ha aperto nuove prospettive nella mente degli appassionati creando diversi “partiti” e “correnti di pensiero”.
Qualcuno ha pensato al possibile litigio tra le parti. Bollini evidentemente si è messo contro Lotito  o contro Fabiani non assecondando in pieno i voleri di questi ultimi. Verosimilmente dunque è stato allontanato per incomprensioni e scelte tecniche non compatibili con quelle della dirigenza.
Altri pensano che Bollini sia stato mandato via per i troppi pareggi,le poche vittorie e le pochissime sconfitte. Uno score troppo basso per i patron del club granata, che, considerate le ultime apparizioni, hanno visto compromessa la salvezza da raggiungere tranquillamente.
C’è chi sostiene invece che il tecnico lombardo abbia pagato alcune esclusioni eccellenti, la cattiva gestione delle risorse e dei calciatori a disposizione.Troppo spesso sono scesi in campo gli stessi protagonisti a discapito di un gruppo formato da un trentina di atleti. Si pensa che Bollini avesse ormai perso il rispetto da parte dei calciatori, non facendo più prevalere la sua autorità.
Infine ci sono i sognatori, quelli che sperano di raggiungere la serie A. Molti sportivi, tifosi della Salernitana si augurano che la squadra granata, a seguito di questo inaspettato cambio tecnico, abbia deciso di fare il possibile per ottenere la promozione in massima serie. D’altro canto,considerato il curriculum del tecnico capitolino, quando una società decide di prendere Stefano Colantuono, generalmente,lo fa perchè  ha chiare intenzioni di raggiungere obbiettivi prestigiosi. In tanti, a Salerno, dunque si augurano di poter assistere a una seconda parte di campionato trionfale da parte della Salernitana, che ha già dimostrato in più riprese di poter competere alla pari con tutti. Colantuono è sicuramente un allenatore avvezzo al lavoro, attento alla disciplina,il classico “sergente di ferro”, che saprà far valere il suo proverbiale carisma. C’è quindi un partito che crede nella  volontà segreta da parte della Salernitana di raggiungere la serie A, prospettiva che si stava indebolendo dopo gli ultimi risultati maturati dai granata. La società dunque ha preso un tecnico esperto e competenete, il massimo possibile, accolandosi un ingaggio pesante, per arrivare in alto, per accontentare i suoi tifosi che hanno tanta voglia di giocarsi posizioni prestigiose e di confrontarsi su palcoscenici sempre più importanti.
L’ingaggio di Stefano Colantuono dunque ha suscitato un rinnovato interesse   verso le sorti della Salernitana. Le reali ambizioni del club naturalmente verranno svelate solo dal tempo, ma la speranza è di nuovo viva nel cuore degli appassionati . Con questa  “mossa” però , il popolo granata è tornato a sognare. La possibilità di veder giocare la Salernitana in serie A nell’anno del suo centenario dunque ha ritrovato di nuovo solide radici.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. L’obbiettivo non è stato mai una tranquilla salvezza ma un ruolo da protagonista. I giocatori acquistati a basso prezzo o provenienti dal vivaio della Lazio vanno valorizzati per essere rivenduti come Coda o ritrasferiti nella Lazio, una squadra al vertice produce maggiori guadagni nella vendita dei gadget, sponsor importanti ecc. Questo è il desiderio dell’imprenditore, tutto il resto è pura illusione collettiva. Sprocati e Mantovani si sono rivalutati, Mantovani in particolare ha dovuto aspettare tutta la difesa in infermeria ma altri sono stati tenuti fuori squadra o usati male, per questo Bollini è stato esonerato.

  2. Sciaudone, Donnarumma e Rosina, ognuno per diversi aspetti, non sono un buon esempio di gestione oculata (soldi buttati via per giocatori di mercato buono), così come far giocare Radunovic e non Adamonis fa pensare che non si tenga conto solo del patrimonio di casa Lazio. A me sembra che quando si vada in urto con il duo Lotito/Fabiani il disco diventa rosso, prescindendo dalla razionalità, visto che Bollini ha fatto le nozze con i fichi secchi, avendo un buon preparatore atletico (rimonte assurde dettate da supremazia atletica a metà del secondo tempo delle partite), traendo involontariamente vantaggio tattico dagli infortuni (chi in Italia gioca a 3 in difesa con un solo centrale inesperto fino a ieri, Mantovani?) e avendo una buona dose di fortuna. Più probabile a questo punto che Inzaghi sia attratto da altre sponde (Allegri va in Premier ) e che la Lazio abbia bloccato Colantuono ( Mancini, Capello, Ancelotti mica possono approdare alla Lazio) provandolo un paio di anni. Voi che ne dite?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.