Vertenza Fonderie Pisano, l’attacco di Luigi Vicinanza della Cisal

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa

“Sulla vertenza delle Fonderie Pisano vedo un accanimento politico, oltre a una responsabilità istituzionale per le decisioni prese in questi giorni.

Si stanno facendo cose impossibili pur distruggere una delle poche aziende funzionanti in provincia.

I residenti di Fratte e della Valle dell’Irno non si facciano abbindolare dai politici e continuino la loro battaglia senza essere strumentalizzati: siamo ufficialmente in campagna elettorale”.

Non usa mezzi termini il sindacalista della Cisal provinciale, Luigi Vicinanza, per esprimere il proprio parere negativo sul no dato dalla Regione Campania sui progetti di adeguamento dello stabilimento delle Fonderie Pisano di Salerno.

“Non voglio entrare nel merito della decisione, ma porre alcune domande è lecito: solo oggi ci si accorge che c’è il rischio di inquinamento del fiume Irno? Cosa ha fatto il Comune di Salerno dal 1994 fino a ora? Forse quella fabbrica era un bacino elettorale importante e non doveva essere disturbata.

Adesso i cittadini meritano la priorità, guarda da caso alla vigilia delle prossime elezioni Politiche, e i lavoratori possono finire nel dimenticatoio. Tutto questo è aberrante e il no alle Fonderie Pisano ha dei precisi mandanti politici, i cui nomi e cognomi sono noti a tutti”.

Nel mirino, ovviamente, finiscono i vertici del Pd salernitano. “Dal giugno 2016, mese in cui Vincenzo Napoli è diventato sindaco di Salerno, è stato garantito il massimo impegno per la delocalizzazione della fabbrica.

Da allora sono passati oltre 550 giorni e di questo non ne sento parlare più. Forse l’agenda delle priorità del Comune di Salerno e della Regione Campania sono cambiate? Io penso proprio di sì”.

Infine, l’appello di Vicinanza ai cittadini: “Condivido la contestazione dei residenti di Fratte al primo cittadino, soprattutto perché dobbiamo ricordare ai nostri rappresentanti che il contraddittorio, nei modi e nelle regole del vivere civile, è il sale della democrazia.

A queste persone, però, mi sento di dire che in vista delle elezioni Politiche le promesse si sprecheranno ed ecco perché invito loro a continuare indipendentemente la propria battaglia, magari iniziando un confronto con gli operai delle Pisano. Per gli imprenditori interessati ci vorrebbe una discussione a parte, ma le maestranze, insieme ai cittadini della zona nord di Salerno, sono gli unici veri sconfitti di questa infinita vertenza”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Evidentemente anche De Luca ha iniziato ad arrendersi. Coprirvi ormai è diventato impossibile!

  2. io spero che in galera vadano ANCHE e SPECIALMENTE tutti quelli che hanno costruito abusivamente; e con fraudolenza e accanimento speculativo hanno venduto, affittato e speculato con palazzine, abitazioni e stamberghe successivamente condonate. Come se il vestito della legalità e del condono potesse cancellare tutte le vostre schifezze. Vergognatevi. Chi è causa del proprio male pianga su se stesso.

  3. prima di accusare il prossimo occorre essere sinceri e leali con sè stessi e con gli altri. I cittadini devono lavorare su sè stessi, sulle loro famiglie, sulla loro educazione, sul loro senso civico, sui propri figli. Devono saper vivere onestamente …. Poi, dopo, possono pure consentirsi il lusso di additare e di accusare il politico di turno.

  4. Se anche vi chiudessero domani i nostri politici sarebbero comunque colpevoli di una decina d’anni di silenzi e complicità. Vergognatevi anche solo a parlarne!!!

  5. dov’eri quando c’erano le altre fonderie? gli stabilimenti tessili? e perchè non chiedi la chiusura delle strade e dell’autostrade? o pensi che auto e tir vadano a gelsomino??

  6. Inquinare illegalmente ammazzando il prossimo non è una soluzione mi spiace. Da 10 anni almeno avreste dovuto fiancheggiare i comitati costringendo il Pisano a crearvi un futuro e cercando di delocalizzare. Invece avete deluchizzato infischiandovene delle regole e diventando complici della mattanza. Ora colpevoli anche voi andate a casa

  7. Per il signor aggiungo patrono dell abusivismo…vedi che i capannoni sono stati costruiti abusivamente e la stessa attività non è mai stata regolarizzata da quando è nata. Pidano non è ne più ne meno che un venditore abusivo come quelli a lungomare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.