Stupro a Santa Teresa: quattro anni di carcere ai due stranieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Condannati a quattro anni di reclusione ciascuno Radouane Makkak ed Hassan Raziqi per la violenza sessuale, ai danni di una donna avvenuta sulla spiaggia di Santa Teresa nel maggio del 2016.

A deciderlo i giudici della prima sezione penale del Tribunale di Salerno (presidente Gabriella Passaro, a latere Gerardina Romaniello e Marilena Albarano). Pena dimezzata rispetto alla richiesta del pubblico ministero

Francesco Rotondo , che aveva chiesto otto anni per il quarantenneRaziqi Hassan e dieci per il 38enne Makkak Radouane , entrambi originari del Marocco.

I due stranieri, per i quali è stata disposta anche l’espulsione, sono stati anche condannati al risarcimento dei danni subiti dalla parte civile (rappresentata nel processo dall’avvocato Marco Martello) da liquidarsi in separata sede. Secondo la ricostruzione dei fatti, la vittima si era recata sulla spiaggia di Santa Teresa da sola dopo aver trascorso la serata con amici: la giovane donna (nata in Marocco ma cittadina italiana) stava leggendo gli appunti di un esame che avrebbe dovuto sostenere il giorno dopo quando sarebbe stata avvicinata dai due cittadini stranieri.

Gli stranieri si sarebbero seduti accanto e lei e, dopo averle chiesto 50euro,uno dei due si sarebbe allontanato per comprare degli alcolici. Resasi conto del pericolo,la giovane donna cercò di divincolarsi ma fu bloccata da entrambi (colui che si era allontanato aveva fatto ritorno) e costretta a subire lo stupro.

E la cosa non si sarebbe conclusa con la violenza sessuale: Makakk costrinse la 31enne a prendere l’auto e guidare con lui accanto fino all’alba mentre il complice (Raziqi) si allontanò. Solo in un momento di distrazione del suo sequestratore, la donna riuscì ad inviare una richiesta di aiuto ad un amico che allertò le forze dell’ordine

Ieri sera, poco prima delle 20, la sentenza di primo grado. Adesso i difensori aspettano il deposito della sentenza di primo grado, previsto entro novanta giorni, per proporre appello.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Sequestro di persona e stupro valgono 4 anni ? E senza differenze tra l’uno e l’altro balordo ?
    Mi sembra più ragionevole il Pubblico ministero. E meno male che le giudici erano donne .

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.