Cioffi M5S: «Pedaggi salati, un regalo al gestore delle autostrade»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
“Il contratto di Concessione di Autostrade per l’Italia presenta diversi profili di gravi irregolarità ed è stato segnalato all’Autorità Nazionale Anticorruzione con un esposto”: lo dichiarano Andrea Cioffi, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Lavori Pubblici del Senato insieme ai colleghi Marco Scibona e Lello Ciampolillo.

“Ci sono voluti più di 4 anni – sostiene M5S – per poter almeno visionare il contratto del più grande concessionario autostradale italiano e, dopo lunghe insistenze finalmente il Ministero di Delrio l’ha inoltrato alla Commissione lavori pubblici del Senato.

Dopo averlo studiato abbiamo ritenuto necessario fare una segnalazione all’Anac – autorità nazionale anticorruzione – di Raffale Cantone che abbiamo incontrato per segnalare gravi irregolarità. I profili segnalati riguardano la mancata trasparenza e la supervalutazione dei valori economici che determinano l’entità del pedaggio”.

“La tanto decantata trasparenza continua a scontrarsi con alcuni tabù che a nostro avviso non hanno alcuna ragione di esistere e sono del tutto inaccettabili. Le infrastrutture dello Stato date in concessione a privati per mezzo di atti che restano riservati, è il primo fatto che riteniamo in contrasto con leggi vigenti e per questo chiediamo un immediato cambio di rotta” continuano i senatori del Movimento 5 Stelle.

“Dall’analisi del contratto abbiamo rilevato che gli automobilisti hanno pagato di più di quello che avrebbero dovuto pagare. Perché questo? – spiegano i parlamentari pentastellati – Il continuo aumento delle tariffe di pedaggio è funzione oltre che dell’adeguamento all’inflazione, degli investimenti che i concessionari effettuano per conto dello Stato. Se l’entità dell’investimento viene sopravvalutato i conti non tornano e i cittadini pagano.

Se infatti l’importo dell’opera viene ‘scontato’ di un valore fisso pari al 15% quando i ribassi d’asta relativi al quinquennio precedente la firma del contratto (24 dicembre 2013) sono in media del 25% i conti sono presto fatti. La nostra stima porta ad ad una sopravalutazione pari a 2 miliardi. Il ministero fa un “regalo di natale” e gli automobilisti pagano”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Una vergogna! Chi è costretto ad utilizzare le autostrade per esigenze, è come se avesse un cappio al collo! O così o così! Grazie M5s

  2. X fortuna che c’è qualcuno che fa gli interessi dei cittadini e del paese x il bene di tutti ed il futuro delle nuove generazioni

  3. Marcos 2 la vendemmia… ecco come si fa vera politica al servizio dei cittadini. Però Cioffi ricordati (e ricordalo a Di Maio) che dovete prendere la città di Salerno “di petto” e liberarci di Vincenzo De Luca e i suoi pargoli per sempre.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.