De Luca a Il Mattino: “Così ho cambiato la Campania”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Lunga intervista del governatore della Campania Vincenzo De Luca al quotidiano Il Mattino oggi in edicola.

De Luca parla di Renzi e delle prossime elezioni «Siamo approdati a una legge elettorale che ci condannerà a non avere un risultato di chiarezza democratica. Abbiamo fatto un passo indietro di 20 anni».

De Luca parla di Ius Soli, di immigrazione di sicurezza ma anche del caso Boschi «Io avrei detto in maniera più esplicita: sono un parlamentare della Repubblica, ho cercato, senza mancare di rispetto alle autonomie delle varie istituzioni, di tutelare interessi legittimi dell’economia e della società che rappresento, così come ho lavorato per tutelare allo stesso modo interessi di altre comunità».

Del M5S e di De Maio aggiunge: «Più parla Di Maio, meglio è. Ha parlato per due, tre settimane e ne ha già dette di grosse sull’Europa, sul referendum anti-euro, sull’articolo 18 da introdurre anche nelle imprese sotto i 10, 5, 2 dipendenti. Forse pure per i barbieri. Emergeranno le contraddizioni e il vuoto programmatico del Movimento, la cui evoluzione seguo da tempo. Sulla lunga distanza non può reggere una forza politica che ha dentro tutto e il suo contrario».

L’ex sindaco di Salerno parla anche del figlio Piero De Luca e della sua idea di candidarsi alle prossime elezioni «Mio figlio ha vent’anni di sua militanza di partito. E non vive di politica, ma del suo lavoro. Farà quello che vuole, e quello che decideranno gli organismi di partito. Come tutti i cittadini italiani non deve chiedere il permesso a nessuno per esercitare i suoi diritti costituzionali».

Alle accuse di salernocentrismo De Luca risponde «Questo è un luogo comune. Qualcuno per pigrizia mentale, per ignoranza o malafede alimenta questi municipalismi idioti. Napoli non ha mai avuto dalla Regione tante risorse e tanta attenzione come oggi: 3 miliardi di euro, risorse imponenti per le infrastrutture, per la cultura, per le politiche sociali. Sono l’unico dirigente politico che può parlare lo stesso linguaggio a Napoli, a Caserta, a Salerno, a Benevento, ad Avelino. E a Roma. Il mio rapporto con Napoli è cento volte più stretto e forte di tutti quelli che alimentano le guerre di campanile».

Sul suo modello di Regione aggiunge:  «Il nuovo governo regionale è partito da un autentico disastro, i conti sono noti a tutti. Stiamo facendo un’operazione di portata storica: sta nascendo per la prima volta una identità campana, un orgoglio di sentirsi campani, riconoscendosi in un ente che non produce paludi burocratiche, ma efficienza, decisioni, correttezza amministrativa e risultati.

È in atto una rivoluzione democratica: l’abbandono cioè delle clientele di massa e l’affermazione dei diritti uguali per tutti i cittadini. E ancora: una svolta antiburocratica: niente più tempi morti, autorizzazioni entro tre mesi, risanamento dei bilanci. Per la prima volta avremo un bilancio senza carte false, senza entrate finte, un lavoro immane per le Asl e per la Regione con l’obiettivo di portare la Campania in Europa sul serio.

Il 3,2% di crescita del pil è un miracolo, specie se si considera che Napoli città fa ancora tanta fatica a mettersi in movimento sul piano della rigenerazione urbana e delle opere pubbliche. Ma c’è anche +3,4% di occupazione. Che non si spiega certo solo con il turismo, cresciuto per ragioni internazionali.

Si è affermata la fiducia degli investitori e dei cittadini: oggi si sa che c’è una istituzione che decide e va avanti. Poi ci sono le decisioni importanti prese dalla Regione: i contratti di sviluppo per 1,5 miliardi di investimenti, i 3,6 miliardi immessi nell’economia campana da settembre 2015 a oggi, i processi di sburocratizzazione, i contributi ai giovani professionisti per aprire i loro studi professionali.

E le decine di cantieri dopo anni di chiusura: li abbiamo aperti assumendoci la responsabilità delle transazioni con le imprese. Io stesso faccio fatica a capire come abbiamo potuto realizzare tanto. E adesso si apre anche la prospettiva della Zona economica speciale per la quale ci sono le risorse messe a disposizione dal governo Renzi, come i 500 milioni per le ecoballe e i 270 milioni per Bagnoli».

 

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Certo che ha cambiato molto. Questo e’ peggio di Renzi, parla bene e prende per il ku lo!

  2. È cambiata la Campania?
    Io vec semp o’ stess schifo…forse so io c’ teng bisogno i na visita oculistica…o sta regione è veramente na chiavica….

    Un felice e sereno natale 🎄 a tutti!!! E che babbo natale mi porti in dono ladri, truffatori, pedofili, corruttori, e parassiti vari…la mia barca è grande per ospitare ogni tipo di persona…inutile ricordare che lavoro anche a natale..

  3. Ma che hai fatto, la gente non lavora, vuoi far chiudere ospedali che sono vita per dove si trovano, salerno è diventta come napoli, solo munnezza di gente. Alle prossime politiche e regionali statti a casa. Alle prossime elezioni vince Berlusconi

  4. ha dato la possibilità di lavorare a 20mila immigrati negli scavi di Pompei e nella Reggia di Caserta. E noi italiani che siamo iscritti al vecchio collocamento da anni? per noi non ha fatto nulla, altro che uomo di destra, è solo una persona che guarda i suoi interessi. La zona industriale di Salerno è un deserto senza industrie, e lui pensa a farsi bello.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.