Miss Iraq e Miss Israele in un selfie per la Pace… (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sarah Eadan e Adar Gandelsman, rispettivamente Miss Iraq e Miss Israele, sono giovani e belle, la loro è la storia di una amicizia e rappresenta un buon auspicio per un futuro migliore.

Un selfie che le ritrae insieme e sorridenti alla finale di Miss Universo 2017 ha scatenato l’ira di Bagdad e costretto Sarah a fuggire con la famiglia negli Stati Uniti.

Non appena l’immagine delle due concorrenti, rappresentanti di due paesi notoriamente ostili fra loro, ha cominciato a rimbalzare sui social network, è infuocata la polemica. Alcune frange irachene hanno rimproverato alla propria connazionale – la prima nella storia dei concorsi di bellezza – di non aver sostenuto la causa palestinese, posando accanto a quella che viene definita come la regina dell’occupazione e della brutalità. Il governo israeliano, invece, attraverso un portavoce, ha definito la foto come un messaggio di speranza per l’intera regione.

Adar ha spiegato che l’autoscatto realizzato a Las Vegas ed il relativo commento “Peace and Love from Miss Iraq e Miss Israel”, condivisi peraltro migliaia di volte, rappresentavano solo un modo attraverso cui esprimere il desiderio di pace. Nulla a che vedere dunque con interpretazioni faziose, dietrologiche o chissà cosa.

Tuttavia le minacce si son fatte sempre più pesanti e la giovane irachena è stata costretta all’esilio. Ora è in America e naturalmente spera che nessuno la trovi. Tutto ciò ha cementato il sodalizio tra le due Miss, le quali hanno orgogliosamente fatto sapere che è loro volontà restare amiche.

Purtroppo non è la prima volta che l’immagine di due reginette di bellezza diventa ulteriore motivo di tensione tra governi di due Paesi. Era già accaduto nel 2015 quando l’allora Miss Israele, Doron Matalon, aveva posato accanto a Miss Libano, Saly Greige. Fra i due territori ancora riecheggiavano i 50 anni di scontri. In quella occasione la libanese venne invitata a lasciare la fascia e fu costretta a dare spiegazioni dettagliate sull’accaduto.

Il selfie di Sarah e Adar è il gesto semplice di due ragazze come tante, e come tale dettato dalla spontaneità. E’ il racconto di amicizia che supera gli steccati dell’odio e schiude le porte alla speranza.

E non è forse il desiderio di rinnovare la Speranza che ciascuno di noi rassegna a suo modo al Natale?

Editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.