Ritorno da ex in Sicilia per il tecnico granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Non è la prima volta che Stefano Colantuono affronta il Palermo da ex. Ma quella del Barbera per lui, che al di là del rapporto conflittuale con Zamparini, in terra siciliana ha lasciato comunque un buon ricordo è sempre una gara particolare. Palermo aspetta il ritorno di un vecchio amico. Reduce dall’ottima esperienza all’Atalanta, e nonostante un contratto appena rinnovato per altri due anni con gli orobici, nella stagione 2007/08 il tecnico laziale decide di accettare la proposta di Zamparini e si trasferisce armi e bagagli sull’isola. Il 26 novembre, però, in seguito alla sconfitta per 5-0 patita il giorno prima a Torino con la Juventus, Colantuono viene esonerato (al suo posto Zamparini richiama Guidolin). Quattro mesi dopo, il 24 marzo 2008, si registra un nuovo ribaltone: Colantuono viene richiamato al posto di Guidolin (reduce da tre ko consecutivi) e, col 4-2-3-1, conduce la squadra all’obiettivo.

Tanto da meritarsi la riconferma per la stagione successiva. All’inizio della stagione 2008/09, però, Zamparini dà vita ad un nuovo colpo di scena: dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia ad opera del Ravenna e la sconfitta all’esordio (3-1 con l’Udinese), Colantuono viene esonerato nuovamente. E stavolta le strade del tecnico laziale e dei siciliani si dividono definitivamente. Stando ai racconti isolani, Colantuono pagò principalmente per la gestione di Edinson Cavani. Colantuono, infatti, a quanto pare gli preferiva Tullio De Melo (diventato di recente uno dei simboli della rinascita della Chapecoense, ma all’epoca praticamente una scommessa).

Zamparini, poi, raccontò a modo suo la vicenda: «Quando c’era Cavani, ho avuto degli allenatori che erano dei testoni. Colantuono, ad esempio, voleva che io lo mandassi in Inghilterra al West Ham. Io gli ho risposto “Ma vacci te al West Ham”». Nonostante tutto, Zamparini anni dopo usò parole al miele nei confronti di Colantuono: «Persona seria innanzi tutto. Grande lavoratore, ne ho visti pochi impegnarsi così». Il tecnico laziale, ora alla guida della Salernitana si ripresente a Palermo, contro il quale ha una tradizione favorevole. In sole tre occasioni Colantuono ha perso contro i siciliani in carriera, ma in due casi si tratta degli ultimi due precedenti in ordine cronologico, allorquando sedeva sulla panchina dell’Udinese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.