Velia, per la prima volta in mostra i reperti archeologici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Giovedì 28 dicembre apre al pubblico la mostra “Velia…una città tra Essere e benessere”, fortemente voluta dal Comune di Ascea e realizzata in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino. L’esposizione, allestita negli spazi di Palazzo De Dominicis – Ricci, residenza nobiliare nel cuore di Ascea, racconterà la storia della città di Elea-Velia, e in particolare un aspetto che la rese celebre nell’antichità, lo stretto legame tra paesaggio, filosofia e medicina.

Questa mostra rappresenta uno sforzo per rendere in qualche modo “visibile” il sostrato culturale di Elea-Velia, in parte fatto di tracce “immateriali”. Inoltre, questa iniziativa ha consentito di esporre per la prima volta molti reperti che fino ad ora erano conservati nei depositi del Parco Archeologico.

“È un momento storico per la nostra comunità – dice il sindaco di Ascea Pietro D’Angiolillo – che  realizza il sogno di veder esposti i reperti di Elea – Velia nelle sale di Palazzo De Dominicis – Ricci, rendendo possibile, tra l’altro, un maggior flusso turistico distribuito  sul territorio ed un percorso integrato tra cultura, paesaggio, enogastronomia. Tutto ciò contribuirà alla destagionalizzazione del turismo e ad un maggior sviluppo del nostro paese”.

La mostra illustra – attraverso videoproiezioni narrate, immagini ricostruttive e reperti – la storia e lo sviluppo della città che diede i natali a Parmenide e Zenone e allo stesso tempo offre ampi approfondimenti sui temi centrali dell’esposizione che restituiscono un quadro completo di quanto rappresentato da Velia in antico, non solo in termini di testimonianze materiali e monumentali.

Il racconto della mostra toccherà, inoltre, anche un altro aspetto per cui Velia divenne celebre in tutto il mondo antico come luogo di benessere per il corpo e per lo spirito: l’ambiente naturale in cui sorgeva la città, percorsa da acque dalle proprietà terapeutiche che alimentavano le terme, e in cui crescevano erbe utilizzate anche a scopi medici.

Il secondo piano del Palazzo sarà infine riservato al Cilento, territorio cui naturalmente Velia appartiene, con un’ampia sezione dedicata al paesaggio vegetale e alle produzioni agricole chesin dall’antichità  lo hanno caratterizzato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.