Calcio in lutto: muore Rino Santin ex Cavese che espugnò San Siro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Si è spento questa mattina a Cava de’ Tirreni all’età di 84 anni, Pietro Santin, indimenticabile allenatore di Cavese e Napoli che aveva scritto alcune delle pagine più belle del calcio campano. Con la Cavese alcune sue imprese memorabili: la squadra biancoblù Santin sfiorò la promozione in Serie A nella stagione 1982-1983, quella che resta nei cuori dei tifosi aquilotti e che portò in dote la storica vittoria per 2-1 in trasferta a San Siro contro i rossoneri del Milan. Santin, che da calciatore aveva vestito pure la maglia della Salernitana ed in A aveva giocato con la Spal, aveva concluso la sua carriera in panchina nel 2006 con il Latina dopo aver guidato anche il Napoli.

«Interprete dei sentimenti dei colleghi e dei soci, nel condannare il vile e intollerabile atto, inaccettabile in una società civile e democratica, questo sodalizio è più che mai vicino al sindaco di Cava de’ Tirreni Vincenzo Servalli e all’assessore Nunzio Senatore». Così il presidente dell’Associazione giornalisti Cava de’ Tirreni – Costa d’Amalfi, Emiliano Amato, dopo gli atti vandalici perpetrati ai danni delle auto di Sindaco e Assessore nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi.

«Si auspica che in breve tempo le Forze dell’Ordine possano individuare i responsabili materiali dell’azione così da assicurarli alla giustizia. Il buon nome di Cava de’ Tirreni non merita d’essere macchiato da simili vergogne» ha chiosato Amato.

LA SOLIDARIETA’ DELLA CAVESE 1919 IN UNA NOTA

«I dirigenti, i calciatori, i tecnici ed i collaboratori della Cavese 1919 piangono la scomparsa
di Rino Santin. Protagonista dei giorni indimenticabili della nostra gloria calcistica, straordinario uomo di sport, illustre concittadino, ha contribuito a scrivere le pagine più belle della storia della Cavese. Lascia un vuoto incolmabile, il dolore della perdita è attenuato dal lascito del patrimonio morale tramandato alla famiglia ed alla Città, fatto di lealtà, riservatezza, rispetto per gli altri, dedizione al lavoro, grande umanità. Alla moglie Elvira Della Monica, ai figli, a tutti i parenti, l’abbraccio infinito della squadra
che egli ha amato sopra ogni altra».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Gran competente e ottima persona. Mai che abbia detto parole fuori luogo nei confronti della Salernitana e della tifoseria, neanche sotto pressione o sulle ali dell’entusiasmo.
    Un punto di riferimento per il calcio campano.
    R.I.P.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.