Scuola e vacanze: Iannicelli punge sui social, i docenti si arrabbiano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
«Mentre tutti i cristiani normali (professionisti, dipendenti pubblici e privati) questa mattina hanno ripreso a lavorare come Dio comanda, i poveri maestri e le meschine professoresse son costrette a restare in vacanza fino al 7 Gennaio. E poi una settimana di vacanza a Pasqua ed almeno due mesi d’estate. UNA VITACCIA CHE “PIU’ MIGLIORE” NON SI “POTESSE” IMMAGINARE PER UN’UOMO NORMALE» .

E’ il post pubblicato dal giornalista salernitano Peppe Iannicelli volutamente condito da errori nella parte finale. Il post ha scatenato reazioni e polemiche.

Anche il sito Oggiscuola.it si è inserito nel dibattito con la lettera di una insegnante che replica a Iannicelli

Ecco la lettera su Oggiscuola.it Gentile signor Iannicelli, se lei pensa che grazie al suo post io venga qui a cospargermi il capo di cenere e a perorare la causa della famosa casta degli insegnanti che gode di privilegi ingiusti si sbaglia di grosso. Io non dirò nulla di tutto questo.

Qua stiamo sempre a giustificarci come se i nostri giorni di vacanza fossero una colpa. Stiamo pure a fare i conti della serva, a dimostrare, a rendere conto. Cui prodest? I nostri giorni di ferie sono uguali a quelli degli altri dipendenti. Solo che noi li dobbiamo prendere obbligatoriamente d’estate, quindi a febbraio la settimana bianca o il viaggio ai tropici non ce lo possiamo fare, ma tranquilli: con 1431 euro al mese manco ce lo possiamo permettere.

Allora sapete che c’è? C’è che mi sono stancata di giustificarmi. Io merito di stare due mesi lontano dalla scuola, merito le vacanze di Natale e di Pasqua, merito di stare due mesi a leggere, studiare, tradurre perché forse vi scordate che quello dell’insegnante è un lavoro intellettuale, che impegna la mente e il cervello ha bisogno di rigenerarsi.

E rigenerarsi non significa solo andare a Ibiza a sballarsi, anche perché non teniamo più l’età, significa curare la propria preparazione per offrire ai ragazzi una qualità sempre alta. E io lo posso fare d’estate, perché d’inverno correggo caterve di compiti, pure la domenica e nelle feste comandate, perché affronto ogni giorno studenti sempre più difficili, demotivati, affascinati più dalla cultura materiale che da quella dello spirito.

La mia, però, non è una missione, è un lavoro che richiede i suoi tempi, anche di riposo. E noi ci dobbiamo riposare. E ci vogliono i quindici giorni di Natale e i due mesi d’estate per riposarsi, sissignore. Ci vogliono tutti e ce li prendiamo tutti. Ecco perché quando inizia la solita tiritera populista io non mi giustifico: il merito non deve cercare scuse e giustificazioni, il merito si acquisisce con la fatica e se ne godono i frutti fino alla fine. E io me lo merito. Noi professori ce lo meritiamo. Tante belle cose.

Insegnante Annalisa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Perchè Iannicelli non spiega quale è il suo lavoro? Chi l’ha messo a palazzo di città a non fare un c…o, quando vuole, a spese dei contribuenti? Se avesse un briciolo di dignità andrebbe veramente a lavorare, invece di vivere con le salate imposte dei salernitani!!!!! Si vergognasse! Comunque, visto l’argomento che ha trattato, è chiaro che di scuola non sa assolutamente nulla, è disinformato, ergo è un ignorante!!!

  2. Ipocriti insegnanti …zero responsabilità…vacanze ampliandoli sulla scorta di un calendario creato ad hoc con “ponti” inammissibili…e i medici dovrebbero avere una statua d’oro? I liberi professionisti? I pm di turno? Il futuro è nelle mani degli insegnanti …che purtroppo sono fini burocrati ma non educatori …poveri noi😓😓

  3. poverina si e’ offesa. Io guadagno la metà e lavoro anche la domenica se è il caso. Ho competenze informatiche e scientifiche maggiori. Ma non mi lamento, anzi sono felice di lavorare sodo, perchè oziare troppo implica un aumento delle malattie. Lavorare invece significa essere sani ed in forma.
    Ft. Poor & Nice

  4. SONO PIENAMENTE D’ACCORDO CON IL SIG. IANNICELLI….COME TUTTI I CONTRATTI VI TOCCANO TRENTA GG DI FERIE NO 60GG.

  5. Ma chi è? Uno scrittore di successo? Un intellettuale? Uno storico? Mah….ignoro…
    Perché parlarne?

  6. Iannicelli non ha tutti i torti ma c’è da dire che lui non lavora in miniera quindi forse è la persona meno adatta per fare certe dichiarazioni

  7. Pienamente d’accordo con Iannicelli, non ammettere l’evidenza è da stupidi. Non è vero delle ferie natalizie? Di Pasqua? Dei ponti vari e fermo estivo? Un normale lavoratore svolge 8 ore di lavoro al giorno dal Lunedi al sabato per 1100€ al mese per tutto l’anno, non mi risulta che gli insegnanti le facciano.

  8. Polemiche inutili,a lamentarsi non dovrebbero essere gli insegnanti e gli Iannicelli di turno,ma quelli che lavorano sodo 365 gg all’anno senza certezze sul futuro.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.