Aniello Salzano su Il Mattino: «Un tour de force raggiungere l’Arechi»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Tutti sanno che il dottor Pasquale Errico è il Questore di Salerno, mentre pochi sanno che l’Arch. Mimmo Di Maio è l’Assessore al traffico (è probabile però che neanche lui lo sappia !). Cosa hanno in comune questi due illustri signori ? Assolutamente niente, se non una frequentazione, come leggiamo sui giornali, alla vigilia delle partite di calcio che si disputano all’Arechi. E i cittadini di Salerno vanno in ambasce quando appunto apprendono che i due si incontrano.

Il duo Errico-Di Maio pare abbia stretto una solida alleanza che sembra avere un preciso intento: rendere difficile ai tifosi della Salernitana raggiungere lo stadio, e poi ancora più complicato tornarsene a casa. Il loro piano è ormai a buon punto. Richiede ancora un altro piccolo sforzo e l’operazione stadio-irragiungibile sarà completata, gettando nello sconforto più cupo soprattutto il Presidente Lotito.

Infatti ce la stanno mettendo tutta, proprio tutta: i tifosi prima o poi dovranno arrendersi, dovranno capire che non vale la pena sottoporsi ad un tour de force per raggiungere l’Arechi. Che forse è meglio vedere le partite in TV, semmai in compagnia di fidanzate, mogli, figli, genitori e parentado vario invece che avventurarsi verso lo stadio.

I due guardiani, che vegliano sulla pubblica sicurezza e sulla mobilità cittadina, non si lasciano sfuggire occasione per complicare la vita a tutti: oltre che ai tifosi, ai commercianti, agli automobilisti e a chiunque abbia voglia di mettere piede a Salerno in coincidenza delle partite. E meno male che l’Arechi non è nel cuore della città, altrimenti disagi enormi e danni maggiori sarebbero scaturiti dalle decisioni fin qui adottate.

Ormai è assodato che i due conoscano soprattutto un verbo: chiudere !

Infatti in occasione delle partite, anche se arrivano solo 100 tifosi ospiti, chiudono strade, sottopassi, metropolitana e, nelle vicinanze dello stadio, i centri commerciali, palestre e cinema.

In cielo volteggiano uno o due elicotteri e in terra i containers formano la solita muraglia d’acciaio. Insomma la città deve apparire sotto assedio. Il vero capolavoro però è la chiusura della metropolitana: questo è il paradosso insopportabile che nessuno comprende e giustifica.

Quella che è stata pensata per favorire la mobilità in città, puntualmente chiude quando deve servire. C’è una folla che vorrebbe utilizzarla ? Si arrangi, raggiunga lo stadio con mezzi propri. Chi nel passato ha immaginato che la metropolitana potesse finalmente risolvere gli ingorghi e il caos del prima e del dopo-partite è rimasto deluso. Insomma a Salerno si verifica il contrario di quanto avviene nelle altre città, dove la metro funziona a pieno regime, e con corse supplementari, in occasione appunto delle partite di calcio.

Così a Napoli, a Milano, a Roma e dovunque c’è un servizio di metropolitana. Non a Salerno! Il questore si difende e puntuale dichiara: lo richiedono motivi di sicurezza e di ordine pubblico. Sarà in parte pure vero, ma ormai nessuno più ci crede, perché c’è una evidente esagerazione in quello che viene fatto a Salerno rispetto alle misure prese in tante altre realtà.

L’assessore al traffico intanto cosa fa ? Semplicemente niente ! Lui, rubando un’espressione cara al Governatore De Luca, sembra un turista svedese. Eppure, impegnandosi appena un po’, una cosa semplice e facile avrebbe potuto farla: rispolverare il piano traffico degli anni passati, quando allo stadio pur recandosi 30-40mila persone non si verificavano i disagi e il caos di oggi. Non l’ha fatta purtroppo, né si preoccupa di farla. Avrebbe davvero rischiato, a sua insaputa, di risolvere un problema !

Aniello Salzano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Finalmente qualcuno che lo dice! Vergognoso piano traffico ogni partita ! Anxhe per 100 tifosi ospiti si chiude tutto!

  2. Questore e assessore che messi insieme formano LA NULLITA’ ASSOLUTA. Il primo è incapace, il secondo, poi, ha l’espressione dell’ebete !
    Sono uno di quelli che ha rinunziato ad assistere dal vivo alle partite.

  3. Aniello sei grande. Finalmente. Il piano del traffico lo deve fare il figlio del muratore 🤣🤣🤣

  4. che elogi per un ex amministratore che nulla ha saputo fare per salerno.
    tacete non sapete che dite, siete forse invidiosi che qualcuno ha reso salerno una grande meta turistica e capita qualche volta che i tifosi possano avere qualche problema ed arrivare allo stadio 10 minuti dopo? partite 10 minuti prima ed è risolto. siete solo dei criticoni e non guardate la realtà. a salerno centinaia di esercizi commerciali, bar, ristoranti ecc in questo periodo (grazie a qualcuno) incassano cifre esorbitanti, ma a voi che importa, pensate al calcio e resterete come i muli.
    lo sapete che 540 ragazzi, anche se a tempo determinato, sono stati aaaunti da vari esercizi commerciali? salsano lo sa, ma pensa già al voto, peccato essere ciechi e non valorizzare eventi che hanno portato salerno ad altissimi livelli. un salernitano (non lamentoso)

  5. Certo che con il Commissario Basettoni questore e Pippo Assessore alla Mobilità faremmo una fine migliore

  6. Salzano, un uomo e’ libero di pensiero quando parla con la sua testa, fuori da schemi e dipendenze politiche. Il resto sono chiacchiere

  7. scusi salzano ma quando lei è stato amministratore cosa ha fatto per salerno?glielo dico io….NULLA. ora vorrebbe ricoprire un ruolo politico e se ne esce con queste lettere che sanno di ovvietà e fanno u baffo a lapalisse………ma seriamente lei oltre a scrivere cosa propone???????a già lei non deve proporre deve solo lamentarsi perché non è compito suo proporre visto il ruolo che svolge….però quando lei guidava la giunta comunale non ha fatto nulla per salerno

  8. Caro cittadino, mi pare che tu stia mischiando due argomenti che non sono collegati.
    È un dato di fatto che andare allo stadio (anche quando non ci sono le luci) è diventata un’odissea. È un dato di fatto che 20 anni fa, con il triplo degli spettatori era più facile raggiungere lo stadio, parcheggiare e soprattutto andarsene. Infine è un dato di fatto asserire che, nel momento in cui per 100 tifosi ospiti il questore decide di chiudere metropolitana ed attività commerciali, non stia facendo il proprio lavoro di gestore dell’ordine pubblico. Troppo facile chiudere tutto, posso farlo anche io il questore cosí….. Cosa avrebbero dovuto fare i questori dell’epoca quando si giocava al Vestuti ?

  9. Tutto vero…aggiungo che per la metro la categoria piu’ penalizzata è quella delle persone che devono raggiungere un proprio caro in ospedale per fornirgli assistenza e che magari non hanno a disposizione altri mezzi con i quali muoversi(se vogliamo considerare gli “efficienti” e “presentissimi” bus)…è una vergogna questa cosa organizzata da poche persone per penalizzarne tante!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.