Ancora l’ex granata Coda e ancora vittoria per il Benevento in A

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Grande, grandissimo Benevento. Un’altra pagina di storia è scritta. In fondo a un secondo tempo cuore e batticuore, i sanniti ribaltano la Sampdoria (in vantaggio nella prima frazione con Caprari) e si regalano la seconda vittoria di fila dopo quella contro il Chievo. È Coda l’uomo copertina, Brignola la piacevolissima conferma: il centravanti segna di sinistro e di destro, il piccolo esterno firma il tris e consegna alla sua squadra tre punti con cui continuare a sperare nella salvezza. E i blucerchiati, in gol nel recupero con Kownacki, devono bere fino in fondo l’amaro calice di una sconfitta meritata e senza attenuanti.
 Nel primo tempo i sanniti tengono testa al più quotato rivale con qualche fiammata improvvisa. Ma sono sempre i liguri a portarsi con più costanza nei sedici metri. Il gol arriva grazie agli uomini di maggior classe. Prima Regini ignora alla mezz’ora Caprari tutto solo al centro del fronte offensivo, poi Ramirez regala una perla facendo un tunnel a Viola e andando al tiro di destro, quindi lo stesso numero 90 ispira l’1-0 servendo palla al 46′ a Quagliarella, il cui tiro viene respinto da Belec e infine ribadito in rete da Caprari con un comodo tap in.
L’orgoglio ferito scatena la reazione del Benevento. Che nel giro di 5′ fa tremare la porta di Viviano prima di aprirla di forza. È Coda, pericolo numero uno, a colpire una traversa con un colpo di testa in torsione e un palo esterno con un sinistro al veleno. Il centravanti giallorosso non si ferma e al 24′ s’inventa un gol da cineteca con un sinistro a giro che va ad insaccarsi all’incrocio dei pali. I padroni di casa non si fermano e, dopo vari tentativi con Brignola e Venuti, potrebbero addirittura sorpassare la Samp con D’Alessandro, ma la conclusione dell’esterno viene stoppata sul più bello da Viviano. La squadra di De Zerbi ci crede, sospinta dal proprio pubblico. E il rosso a Sala al 38′ (per fallo su D’Alessandro e chiara occasione da rete) dà un rabbocco di energia ai giallorossi. Sul calcio di punizione, Coda colpisce stavolta di destro, scavalcando la barriera e sorprendendo Viviano: il Vigorito viene giù. Non basta. Lo scatenato Brignola è preciso sottoporta e porta il risultato sul 3-1, la Samp salva la faccia con l’acuto in extremis di Kownacki, che in ogni caso non cambia la sostanza. Festa grande negli spogliatoi: il Benevento urla la sua gioia e ribadicsce il concetto: per la salvezza non è stata detta ancora l’ultima parola.
Fonte Gazzetta dello Sport
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Volevo dire che la notizia su Coda oggi non l’avevate scritta…..Farà quel poco di gol che non serviranno a niente, perché il Benevento ha bisogno di ben altro per salvarsi e poi il procuratore farà la sola ad un’altra mal capitata squadra grazie ai soliti buoni contatti, la stampa connivente come voi e la memoria corta sul fatto che praticamente durante un girone intero è stato imbarazzante. Lo scrivo oggi che ha segnato ed è “l’eroe di giornata”: è e resta uno degli attaccanti più scarsi che si sono visti a Salerno, nonché uno di quelli più sopravvalutati da stampa e tifosi che non ricordano che nelle partite importanti questo qui è uno zero assoluto.

  2. se la salernitana era in A vedevi quanti auguri ci mandavano da avellino caserta napoli e benevento !!!!

  3. Ieri Coda ha dimostrato a tutti i cialtroni e critici da strapazzo che è un vero bomber, gol su punizione, gol da fuori aria, passaggio goal(cose che faceva anche a Salerno).
    Allora….. dato che questo è il repertorio di un calciatore che ci ha salvato con i suoi goal per due anni e che oggi non abbiamo, abbiate il coraggio di starvi ZITTI!

  4. La salernese in A ? E penso che neanche tutti i santi del paradiso riuscirebbe a fare sto miracolo e più facile eliminare le guerre e la fame nel mondo 😂😂😂

  5. x 7.5 a Coda, paga Galli, il tuo è un giudizio bocciato dalla storia e soprattutto dai numeri e non fà onore a un bravissimo ragazzo come Coda che finchè l’ha indossata ha onorato la maglia granata. A Salerno in due campionati di serie B 32 gol e parli ancora? Evidentemente appartieni a quella schiera di tifosi cialtroni e leoni solo sulla tastiera, uguale a quelli che in passato hanno bocciato Zenga, Strakosha, etc. Poi ci può stare che un calciatore abbia dei momenti no, vedasi recente esempio di Dybala, ma la vera classe col tempo esce fuori….solo i ciechi non vedono oltre.

  6. La Salernese in A c’e Stata due volte, tu sarai un tifoso invidioso di qualche squadra che gioca nei dilettanti tipo la Cavaiolese o la Nocellese che in A non ci sono mai stati, é il loro sogno massimo é giocare a Salerno 🤫.
    Oppure sei un Avillinese che se atteggia pe dieci anni di de mitA, ma con noi le prende sempre( sfondati anche in terra Irpigna) 😂😂😂

  7. Se si é tifoso della Napolese; non si viene a commentare su una notizia di una squadra di serie B, se sei un doppiofedista fai il tifo per la napolese e non pensare alla Cavaiolese o Nocellese, se sei un tifoso Napollese vai a pregare San Gennaro che dopo 30 anni vi fá vincere qualcosa.
    Meglio tifoso della Salernese che doppiofedista Cavaiolese o Nocellese.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.