La banda dei parcometri saccheggiati ha rubato 5mila euro in un mese

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Cartacce, pezzi di cartone o di plastica, oggetti metallici, ritagli di stoffa e addirittura spugne. Sono questi gli stratagemmi trovati da una banda di malviventi che blocca i parcometri della città ostruendo il bocchettone da cui vengono erogate le monete di resto agli utenti che pagano il ticket per la sosta. Soldi che poi vengono ritirati tre o quattro ore dopo.

A scoprire il furto Salerno Mobilità dopo decine di segnalazioni di automobilisti esasperati. A darne notizia il quotidiano Il Mattino.

La società in house del Comune di Salerno corre ai ripari. E lo fa con una serie di attività già in cantiere. Tra queste una serie di adesivi da affiggere su ogni parcometro attraverso i quali si invitano gli automobilisti a verificare, per la restituzione del resto, che non vi siano ostruzioni nello sportellino.

Volendo considerare in media un furto di cinque euro a macchinario, si arriverebbe a 250 euro al giorno, che diventerebbero 7mila e 500 in un mese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Vorrei raccontarvi la mia esperienza di ieri 11 gennaio.
    Alle ore 9,13 parcheggio sul Lungomare Trieste (altezza camera di commercio) e tento di pagare il ticket presso un apparecchio di nuova generazione. Mi accorgo che, dopo aver inserito un tot di monete, l’importo scompare dal monitor e non viene rilasciato nè il biglietto nè restituite le monete quando provo ad annullare l’operazione. Insospettito e consapevole delle tecniche truffaldine, provo a vedere se ci fosse qualcosa che bloccava il bocchettone ma, apparentemente, non c’era nulla.
    Fermo quindi un vigile a bordo di un’auto di servizio e gli riferisco l’accaduto: mi dice di contattare salerno mobilità e che avrebbe segnalato anch’egli il misfatto.
    Tento decine di volte di contattare telefonicamente salerno mobilità ma l’operatore (selezione numero 7 della voce elettronica) non risponde. Nè rinvenivo addetti di salerno mobilità in zona.
    Dopo 10 minuti circa di attesa sul posto, incontro altri 2 vigili cui spiego l’accaduto: uno dei due segnala la cosa in centrale e contatta salerno mobilità richiedendone l’intervento.
    Il vigile si allontana per altre operazioni di viabilità quando, improvvisamente, sbuca una coppia di stranieri dell’est europa sui 30/35 anni (uomo basso con capelli neri e donna con capelli rossicci); la donna fa da palo e l’uomo si avvicina al parcometro. Prevedendo un collegamento con il malfunzionamento, mi dirigo verso il parcometro. Con azione fulminea l’uomo dà 2 tocchi al parcometro e fa scendere le monete; corro e gli urlo di lasciare le monete; lo raggiungo, farfuglia qualcosa del tipo “io biglietto” e si allontanano in direzione porto lasciando le monete (€ 7,50 di cui 2,30 inseriti da me) nella fessura. Richiamo l’attenzione del vigile di cui sopra, mi raggiunge e contatta nuovamente la centrale; mi dice che non può fare niente.
    Dopo circa 30 minuti, alle ore 10,15, dovendo anche lavorare, riprendo i miei € 2,30, il vigile dice di lasciare le monete nella fessura e vado via.
    Non prima di aver riprovato a fare il ticket: la macchina era ancora bloccata !

  2. Ma come si fa a non farsi venire il voltastomaco? Dopo la testimonianza del signor Vincenzo, la strafottenza di chi direttamente interessato (salerno mobilità ), idem di chi avrebbe potuto (e dovuto ) fare qualcosa (vigili ) questo provoca :il voltastomaco.
    Oramai abbiamo perso il senso della legalità.
    I dipendenti di Salerno mobilità, tutti politicamente selezionati e quindi con predisposizione a non fare un c…o, hanno dimostrato con questo ennesimo atto di strafottenza che a loro delle sorti e delle perdite di chi li “sfama”, non glie ne può fregar di meno;
    Ed i vigili ?Aeee, loro oltre a lamentarsi di tutto, che sono pochi, che la notte devono dormire, che in inverno piove e fa freddo, ecc ecc, che hanno fatto? Quello che fanno tutti i giorni, e per il quale vengono pagati :NIENTE!
    Il signor Vincenzo avrebbe dovuto offrire loro un caffè, sai come correvano.
    Bha. A parte queste ovvie osservazioni che ho scritto, qua c’è solo da chiedersi dove finiremo. Ognuno si fa i fatti propri, forze dell’ordine che permettono di tutto (soprattutto se ospiti extracomunitari ), chi ha la fortuna di avere un buon lavoro,se lo fa’ passare per il c…., e tutti gli extra cittadini (profughi, clandestini, rom, zingari, e sfravca varia ) , consapevoli di tutto ciò, fanno i porci comodi loro, in lungo ed in largo
    p.s.
    Ma chi ha quantificato il furto e come ha fatto?

  3. Ci rendiamo conto, che questo è la normalità: una persona deve 5 giorni su 7 deve recarsi a lavoro e quindi pagare la sosta della propria auto, e nonostante tutte le noie deve sentirsi essere derubato con trucchi e stratagemmi dagli stranieri rumeni , albanesi, magrebini quelli che e… È uno schifo e nessuno interveniente. Perché il cittadino oggi non viene tutelato ??

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.