Sarno, Canfora: «Sull’ospedale solo strumentalizzazioni politiche»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Spiace dover leggere certe affermazioni di chi cerca disperatamente di strumentalizzare l’ospedale “Martiri Villa Malta” per un mero tornaconto elettorale in vista delle prossime elezioni politiche.

Il sottoscritto, insieme all’intera Amministrazione Comunale, continua ad essere responsabilmente e seriamente impegnato nel “fare” e non intende lasciarsi distrarre dalle provocazioni. In qualità di Sindaco e di Presidente della Provincia non ho alcuna competenza in materia, ma non voglio tirarmi indietro e intendo rassicurare i miei concittadini: l’ospedale non solo non chiuderà, ma sarà potenziato ed aumenterà il livello qualitativo.

Per coloro che hanno la memoria corta ricordo che se dopo i tragici eventi del 5 maggio 1998 abbiamo avuto il nuovo ospedale è stato solo grazie al centrosinistra dell’epoca, al presidente della Regione di allora Antonio Bassolino, all’ex ministro della Sanità Rosy Bindi, all’ex senatore Alfonso Andria, ai comitati per la ricostruzione post-frana, all’impegno del compianto dottor Vincenzo De Colibus, del dottor Nunzio Di Filippo, di padre Maurizio Albano e di tanti cittadini.

Con il passare degli anni, il mantenimento dell’ospedale è stato possibile grazie esclusivamente al centrosinistra. Se ad oggi, infatti, il nostro presidio ospedaliero è ancora aperto, lo dobbiamo al Governatore della Regione Campania, On. Vincenzo De Luca, ricordando che il suo precedessore, Stefano Caldoro, aveva chiuso o stava chiudendo la maggior parte degli ospedali attuando una politica di tagli dissennata e indiscriminata.

Per 10 anni non si sono fatti concorsi nella nostra Asl. Gli ultimi furono banditi dal dottor Raffaele Ferraioli. La crisi della sanità campana è dunque figlia della politica fallimentare del centrodestra che ha guidato la Regione prima di De Luca con una riduzione drastica dei posti letto.

De Luca e il centrosinistra hanno riaperto gli ospedali chiusi da Caldoro e ridato posti letto agli ospedali dell’Agro sarnese-nocerino (Scafati) e del territorio di Agropoli. La politica sanitaria di De Luca ha stabilizzato definitivamente 600 precari e bandito numerosi concorsi in tutta la regione.

Sono profondamente amareggiato da chi usa l’ospedale di Sarno per fini solo elettoralistici e propagandistici. Voglio ricordare che proprio in questi giorni il direttore generale dell’Asl, dottor Antonio Giordano, ha nominato il nuovo responsabile del pronto soccorso nella persona del dottor Francesco Cembalo e potenziato lo stesso con cinque nuovi medici specialisti in medicina d’urgenza.
Il Sindaco Giuseppe Canfora

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.