Capitale della Cultura 2020: tra le dieci finaliste non c’è Ravello

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tra le dieci città finaliste non c’è la Costa d’Amalfi. Non c’è Ravello che con tanto impegno e passione aveva inseguito la possibilità di diventare Capitale della Cultura gettando le basi, da quest’estate, di un ambizioso progetto con cui era stato avviato il sostegno alla candidatura. Il sogno si è infranto questo pomeriggio.

Dopo la pubblicazione della “short list”, delle dieci finaliste selezionate dal Mibact e che arrivano in finale superando le altre 21 candidate al bando dello scorso maggio. Sono Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso le dieci città che si contenderanno il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020.

E ora dovranno presentare il proprio progetto nel corso delle audizioni della Commissione presieduta da Stefano Baia Curioni. Il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020 sarà invece assegnato, come di consueto, nell’ambito di una cerimonia pubblica nella sede del ministero, a Roma, in via del Collegio Romano 27, il prossimo 16 febbraio alle ore 11 alla presenza del ministro Dario Franceschini.

«Ci abbiamo provato, con la consapevolezza di aver dato il massimo. Auguri alle dieci città finaliste e continui a vincere il migliore. Un grazie di cuore a quanti ci hanno creduto e hanno partecipato» è il laconico commento apparso sulla pagina facebook di Ravello Capitale della Cultura.

Dispiace soprattutto per la grande mole di lavoro messa in campo per sostenere questa candidatura e che aveva trovato il sostegno di importanti partner come il quotidiano Il Mattino oltre che di intellettuali. Forte era stato il lavoro di diplomazia che aveva portato a importanti partnership come ad esempio con la Città di Salerno o con il campus universitario di Fisciano.

Ci ha provato Ravello. Ma non è detto che non possa riproporsi. Alla luce soprattutto del grande movimento creato in questi mesi supportato da Fondazione Ravello e dal Comune e che ha aveva avuto in Manuel Cargaleiro e nella sua straordinaria capacità artistica uno dei suoi più appassionati sostenitori. E non è un caso se proprio lui ha rimato il logo della candidatura. Un logo che passerà alla storia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.