De Luca difende il figlio: «Volgarità e cafonerie contro Piero»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
Parla senza mezzi termini di “volgarità” e di “cafoneria” il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, rispetto a chi polemizza sull’eventuale candidatura del figlio Piero alle prossime elezioni politiche in un collegio della Campania.

“Un mio congiunto ha fatto questa proposta: voto segreto sulla candidatura da parte dei dirigenti del partito, curriculum pubblico per distinguere i somari da chi ha qualcosa da dire e chiarimento su chi vive di politica o del suo lavoro.

E quindi si candida soltanto per una passione e per la candidatura non bisogna chiedere il permesso a nessuno, come garantisce la nostra Costituzione”, ha aggiunto De Luca.

Vincenzo De Luca ce l’ha in particolare con il sindaco de Magistris che, appena il giorno prima, l’ha attaccato frontalmente. Non sul figlio ma, peggio, per la sua governance a palazzo Santa Lucia. «Sono passati 3 anni e mezzo e continuo a vedere – aveva detto il sindaco di Napoli – che mancano mezzi negli ospedali. Mancano anche le barelle. Domani parte la rivoluzione – ha aggiunto sarcastico riferendosi proprio alla conferenza stampa di De Luca – ma casualmente siamo in campagna elettorale. E dicono si candidi il figlio di De Luca…».

De Luca quindi, replica stizzito alla domanda dei giornalisti: «La posizione espressa da me, a chi è interessato è che occorre voto segreto sulla candidatura da parte degli organismi dirigenti del partito provinciali, curriculum pubblico per distinguere i somari da chi ha qualcosa da dire e chiarimento su chi vive di politica o della sua attività professionale. E quindi si candida soltanto per una passione e per la candidatura non bisogna chiedere il permesso a nessuno, come garantisce la nostra Costituzione».

Poi su Paolo Siani, indicato da Matteo Renzi come capolista a Napoli, il governatore aggiunge: «Una candidatura eccellente, un elemento di speranza per la società civile che ha passione politica. Una grande personalità della società napoletana, che ha vissuto – continua l’ex sindaco di Salerno – momenti drammatici ma l’ha tradotto in un impegno civile straordinario. Mi auguro ci siano esempi come questi in tutte le forze politiche. Sarebbe un segnale di speranza in un momento in cui la politica fa deprimere».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. se vuoi la bici,”pedala” e metti in conto che puoi anche andare a sbattere.

  2. “Caro” De Luca, comprendo bene che un padre cerchi di dare il meglio al proprio figlio, ma credo anche te Lei stia esagerando. E’ vero, la Costituzione non prevede che bisogna chiedere il permesso a nessuno per candidarsi, ma è pur vero che la propria coscienza lo impone. Almeno per coerenza. Ricordo benissimo quando Lei durante i “sermoni del venerdì” da una emittente televisiva salernitana, attaccava a destra e manca tutti i “cafoni” che dispensavano posti in Parlamento, nelle Istituzioni o nelle partecipate, a propri parenti… e oggi cosa fa ??? la stessa cosa se non peggio. Non le basta che Suo figlio sia stato NOMINATO assessore a Salerno ??? Non le basta che si siano affermati, entrambi, nel mondo del lavoro ??? Continuando a fare come facevano quei “cafoni”, che Lei attaccava in TV (e continua a fare) rischia di diventare anche Lei un “CAFONE”… e non credo che le faccia piacere. Offenderebbe la Sua persona, la Sua famiglia, il Popolo salernitano e quello Lucano.

  3. Caro Brambilla, nomen omen , sarai sicuramente un salernitano verace e non un milanese doc, ma il sindaco si riferisce quando parla di cafoni, e non sono deluchiano anzi il contrario, ai comportamenti delle persone. Mo che essi siano salernitani veraci o di oriundi cilentano-irpino-lucani, (ebbene hai dimenticato di mettere noi cilentani nell’invasione dei longobarda Salerno), o di abitanti della provincia Nord e napoletani, non cambia nulla, ma questa tua considerazione e un misto di razzismo-campanilismo e antideluchiano esagerato, perchè se salerno è quella che è adesso lo devi anche a noi “oriundi” che nel dopoguerra abbiamo contribuita a farla crescere, e i comportamenti sono delle persone. Ne ricordo uno per tutti: inaugurazione la mattina della nuova piazza Malta, la sera un SUV parcheggiato sul marciapiede, ed in quella occasione, una delle tante, LUI parlò di cafoni. Vorrei capire se è o non è un cafone chi fece questo, mo se era verace o oriundo, per me cafone era punto

  4. Cari amici veraci salernitani, vi dico di non preoccuparvi di chi dispensa patenti di cafoneria a destra e manca. Anche il nostro grande governatore lucano De Luca tiene famiglia e si adegua all’italico stile ormai praticato da secoli dalle classi dirigenti. Un solo ragionamento di ordine pratico ma anche di opportunità morale. I tuoi figli non vivono di politica e allora perchè sono così bramosi di aspirare a questa carriera irta di difficoltà, capace di crearti solo antipatie e divisioni? Mah, misteri della mente umana……..

  5. Vicie’ nun da’ retta e nun te fa u’ fegat gruoss…. tanto a sto’ giro a ggent nun te’ sta’ a senti’ pecche’ stai facend solo nu cuofan e chiacchier e Babba e quindi u’ giovinott nu iesc a Roma e se po’ tene’ a fatica sua e po’ trascorr chiu’ tiemp pa a famiglia.
    Cia!

  6. Grandi opere ,citta turistica ,conti in rosso coop in tutti i settori .e adesso anche le mani nella Sanita e non ti basta niente.

  7. È molto semplice. Non voltate cari cittadini tutti questi rampolli che poi se avessero una vera professione non starebbero scalpitando in politica. Certo a giardare il cv di questi rampolli nulla da eccepire tranne che tali costose università in Belgio o dintorni gliele abbia pagate il famoso papà o mamma da sempre in politica..e ce ne sono

  8. Sono un Cittadino del Mondo NON DOC perchè le mie origini sono quelle di un Cafone Contadino del Cilento emigrato nel mondo per produrre ricchezza e benessere.Non mi interessa essere puro e casto,preferisco la diversità,l’uguaglianza ha prodotto la povertà della società comunista che si è convertita all’individualismo dell’essere.De Luca è una persona semplice e passionale e in politica ci mette quella grinta positiva del terrone del sud.Salerno era un villaggio a sud di Napoli,con De Luca è divenuta cittadina Splendida.Quindi sig.Brambilla, se lei preferisce il vecchio villaggio si sposti più a sinistra,ma noi cafoni contadini del Sud preferiamo De Luca con lo splendore di Salerno del presente

  9. Piero è un ragazzo x bene, solo dei frustrati parlano ancora così.
    Dovremmo solo essere contenti che un ragazzo serio e preparato fa una scelta del genere.
    È stato oltre dieci anni all’estero, ha fatto esperienza sperando che possa emulare il Padre. La Salerno vera è con te Piero in bocca al lupo.

  10. Per “Principe Arechi” e “Max”, Vi chiedo scusa ma sono convinto che avrete frainteso… io vivo a Salerno da più di 30 anni e sono Lucano… per me essere figlio della terra del Sindaco della mia città era un orgoglio… quando ho concluso il mio commento al fatto che, De Luca, in quel modo rischia di offendere “…il Popolo salernitano e quello Lucano” era solo per sottolineare che mi sento offeso da De Luca, sia come salernitano che come Lucano… e non intendevo Lucano nel termine che avete inteso Voi… la Lucania è una grande terra come il Cilento, e tutta la provincia di Salerno… e dovreste sentirvi offesi anche Voi dal comportamento di De Luca, invece di concentrare i Vostri commenti su di un’affermazione che tutto volesse dire tranne che offendere un territorio. In considerazione anche delle mie origini. Sarei invece curioso di conoscere cosa ne pensiate sulla possibile candidatura del figlio di De Luca !!!

  11. Non capisco il suo essere rimasto sbigottito dai commenti sul figlio Piero (ed aggiungerei anche i commenti sul figlio Roberto ).Tutte verità, tutte constatazioni della realtà, perché bruciano?
    Ma poi, quando lui, L’ONOREVOLISSIMO si scaglia contro qualcuno (cosa che succede quotidianamente ), come si rivolge ai rivali?
    Ai vari Di Maio, Ciarambino, alla sindaca di Roma, ed a tutti gli altri suoi antagonisti, come si è rivolto e che commenti a riservato loro?
    Senza educazione e senza alcun rispetto, oltre che senza pudore.
    Punto e basta

  12. Il figlio di Casaleggio, i figli di Craxi, la moglie di Mastella, i figli di Bossi etc etc, ognuno può essere figlio, marito, moglie, padre, fratello di qualcuno e non per questo non può candidarsi.
    Nella legislatura che si chiude nel M5S del Veneto c’erano madre e figlio.
    L’importante non è la parentela, ma quanto vali.
    Ha perfettamente ragione De Luca.

  13. Il nostro governatore con la sua sublime tatanella in questi anni ha imbrogliato tutti….ha detto tutto e il contrario di tutto ha ribaltato e rivoltato ed ha raggiunto sempre i suoi obbiettivi….non serve solo starnazzare sui figli le comari e le mogli….servono atti concreti serve andare a votare e mandarlo a casa….

  14. Qualsiasi cosa si obietti o si metta pacificamente e democraticamente in discussione se ne esce sempre con la solita solfa dei cafoni e delle volgarita’.
    Ha imposto un figlio come Assessore esterno al Consiglio comunale di Salerno e ai Salernitani il suo lauto stipendio, ora vuole candidare, con le sue tipiche modalita’, e vuole fare eleggere l’altro alla Camera.
    E secondo lui, tutti zitti a votarlo….
    De Luca okkio alla scoppola del 4 Marzo, se non cambi atteggiamento e sei non dai, soprattutto, fattivamente seguito agli annunci giornalieri con cui ti riempi la bocca, il prossimo sarai proprio tu quando non verrai riconfermato alla Regione.

  15. Gli Stati Uniti d’America possono avere:
    2+1 presidenti Bush
    2+1 presidenti Clinton
    2 presidenti kennedy

    e qui non si possono avere 2 o 3 De Luca.
    Mica sono scemi a disperdere un patrimonio di voti immenso.
    Che state a dì

  16. PIERO DE LUCA,OTTIMO RAGAZZO E SEMPRE DISPONIBILE CON TUTTI.NON SI CAPISCE PERCHÉ ABBIA SCELTO CATTIVE COMPAGNIE,RENZI IL GUAPPO E MISS BOSCHI.PER IL PD LE PROSSIME ELEZIONI SARANNO UN BAGNO DI SANGUE!!!!AUGURI PIERO.

  17. Per il salernitano vero. Nessuno mette in discussione il fatto che il figlio del governatore possa candidarsi, la questione è perché gli è stata data la nomina straordinaria al comune di Salerno senza nemmeno candidarsi e quindi essere votato.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.