Caso Moro, lite social tra ex brigatisti (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il 9 gennaio scorso sulle pagine di Facebook è comparso un post, successivamente svanito.

C’era scritto “Chi mi ospita oltre confine per i fasti del quarantennale?”.

La bacheca sulla quale campeggiava non è di uno dei tanti internauti, bensì quella di Barbara Balzerani.

Fra 2 mesi ricorrerà l’anniversario della strage di via Fani e del rapimento di Aldo Moro ed è a questa dolorosa circostanza che la donna si riferiva. Dunque, un umorismo fuori luogo.

L’ex brigatista, che non si è mai pentita né dissociata, oggi è una cittadina libera e fa la scrittrice. Quel giorno era lì, faceva parte del commando. Anziché provare a scusarsi o tacere, ironizza. Poi, in uno dei commenti successivi al post precisa che il suo scritto è rivolto soprattutto ai racconti, alle ricostruzioni, alle riletture postume operate dalle due commissioni parlamentari di inchiesta, dalla politica e dai media.

In rete ci sono persino persone che le manifestano una qualche simpatia per lo spirito, ovviamente c’è chi invece si indigna e la condanna con fermezza. In primis i familiari delle vittime trucidate quel 16 marzo del 1978. C’è pure chi in quegli anni militava con lei nelle BR e che oggi prova pentimento.

Raimondo Etro, l’ex terrorista rosso (colui che custodì le armi utilizzate dal commando che rapì lo statista) replica duramente alla ex sodale, esprime pena per lei e vergogna per se stesso e per i trascorsi nelle Brigate Rosse che bolla come “setta e feccia”. Colpevoli  tra l’atro di aver dichiarato guerra a quello stesso Stato che oggi consente alla Balzerani di parlare liberamente. E conclude con un lapidario: “Ci rivedremo all’Inferno”.

La vicenda Moro ha rappresentato lo spartiacque della storia democratica della nostra nazione. Quegli anni, oltre a segnare una lunga ed ingiustificata scia di sangue e a provocare dolore in tante famiglie, insinuarono sconforto e incertezza in tutto Paese.

Gli italiani però seppero reagire, riuscirono a compattarsi ed a sconfiggere il terrorismo, chi ne ordì le trame e coloro che ne furono il braccio armato. Forse non ci sarà mai sentenza o commissione che possa stabilire, in modo assoluto, la verità storica, anche per i troppi depistaggi e reticenze in cui si è inciampati nel corso dei 4 decenni.

Vorrei poter sperare che prima o poi sia riconosciuto da tutti, con il valore dovuto, l’insegnamento che ne è derivato e che ci è stato rassegnato. Cittadini e partiti, pur fra i legittimi distinguo, riscoprano la rilevanza di una comune identità e quanto sia importante assolvere al proprio servizio, fuori e dentro le Istituzioni, forti anzitutto di una imprescindibile etica della responsabilità.

 

Editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. caro ardito, è certo del fatto che la Balzerani volesse festeggiare l’assassinio di Moro? A me pare invece che volesse sottrarsi a quel ridicolo ricordo collettivo che porterà personaggi più o meno improbabili a raccontare quanto era buono lo stato con tutti i suoi rappresentanti e quanto fosse cattivo chiunque fosse contro. Detto questo, sarebbe bello sapere come mai se le br erano intenzionate ad ammazzare Moro non l’abbiano fatto subito e come mai lo stesso Moro si è sentito abbandonato da tutti a cominciare dal suo partito. Ricordiamo Moro ma ricordiamo anche il vero volto della Dc e del Pci dell’epoca.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.