Per il giorno della memoria: la nomina di Liliana Segre (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Presidente della Repubblica nomina Liliana Segre senatore a vita.

Il seggio lasciato vacante da Claudio Abbado è occupato da una donna, e che donna.

87 anni di cui la maggioranza trascorsa a testimoniare da viva quanto moltissimi non possono testimoniare. La sua storia è esemplare nel bene e nel male. Strappata agli studi dalle Leggi razziali, internata nel campo di concentramento, sopravvive alle angherie che non sono risparmiate ad una moltitudine di ebrei italiani, tutti come lei sudditi del Regno. Non una presenza estranea ma una parte integrante della società civile, con incarichi di rilievo e la rispettabilità sociale.

Nessuno prima delle Leggi avrebbe chiesto loro l’etnia né la religione. Molti dopo le Leggi scoprirono che questi italiani erano diversi dagli altri: nel caso della Segre bastava il cognome ad individuarli come tali e perciò meritevoli di un trattamento particolare.

Dall’espulsione dalla scuola e dalle professioni fino all’internamento nel Ghetto (il paradosso vuole che quello di Roma sia ora oggetto di pellegrinaggio gastronomico in cerca della vera cucina giudaico – romana) ed alla deportazione in Germania per mano dell’accolita fra i residui del fascismo e gli agenti del nazismo. L’orrore fu massimo, la guerra era ormai persa, era una vendetta tardiva, la soluzione finale andava eseguita quale che fossero le vicende belliche.

La giornata della memoria di quest’anno è idealmente dedicata alla Senatrice Segre, che sarà chiamata ad esporre ad una scolaresca la sua gioia di vivere laddove molti persero con la vita la fede nell’essere superiore. Risuonano nella nostra mente le parole di Primo Levi che, schiacciato dal peso della memoria, decise di farsi da parte anzitempo e per mano propria.

Con la nomina il Capo dello Stato risponde indirettamente alla polemica che scaturì dalla decisione di riammettere in Italia le salme dell’ultimo Re Savoia, e proprio in coincidenza con gli ottanta anni della promulgazione delle Leggi Razziali a sua firma. La risposta è intrisa di umana pietà nei confronti di una Casa Reale che poco o nulla ha da dire agli italiani e di orgoglio per l’esempio di Segre. La sua, alla scolaresca, sarà una lectio magistralis.

Il 2018 è l’anno di un’altra ricorrenza: la fondazione dello Stato d’Israele. Nel 1948 David Ben Gurion da Tel Aviv annunciò la creazione dello Stato sulla base di una risoluzione ONU che fu subito oggetto di riserve delle delegazioni arabe. Le riserve non si fermarono al livello diplomatico, continuarono sul terreno col tentativo delle armate arabe di ricacciare in mare gli ebrei penetrati in Palestina. Dopo una serie di guerre gli israeliani stanno ancora là.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.